Stasera in TV: “Ghiaccio bollente”. Festival Express

Stasera in TV: "Ghiaccio bollente".  Festival Express Nell’estate del 1970 il promoter Eaton-Walker Associates decise di organizzare una tournée in Canada, il Transcontinental Pop Festival, che toccasse le tre città di Toronto, Winnipeg e Calgary con Janis Joplin, Grateful Dead e altri.

Piuttosto che organizzare i trasferimenti aerei, l’idea geniale di Ken Walker fu di affittare 14 vagoni delle ferrovie nazionali canadesi per trasferire e ospitare artisti e crew. C’erano vagoni letto, bar ben fornito, ristorante, lounge e ovviamente prese elettriche per strumenti e amplificatori. In questo modo trasformò il viaggio in treno di collegamento tra una città e l’altra nella più lunga jam session della storia del rock.

Il documentario “Festival Express”, in onda stasera alle 23.15 su Rai5, ripropone pezzi di concerto e riprese delle jam session e dei party sfrenati che si tenevano a bordo del treno, oltre ad interviste ad alcuni dei viaggiatori di allora, ricche di aneddoti e ricordi. Viaggiavano a bordo del Festival Express nomi del calibro di Janis Joplin, Grateful Dead, Buddy Guy, Flying Burritos, The Band, Delaney & Bonnie.

Prodotto da Gavin Poolman, figlio del produttore di allora, e diretto da Bob Smeaton (vincitore di 2 Grammy), il filmaker dell’epoca era Peter Biziou, direttore della fotografia di “The Wall”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *