Vai al contenuto

RISONANZE, torna il Festival Toscano di Musica Antica

RISONANZE, torna il Festival Toscano di Musica Antica RISONANZE, torna il Festival Toscano di Musica AnticaIl Festival Toscano di Musica Antica-RISONANZE ritorna a Pisa e Barga dal 27 giugno al 7 luglio 2024, promettendo un viaggio culturale unico. Con la direzione artistica di Carlo Ipata, il festival offre un’esperienza musicale straordinaria, intrecciando concerti di musica antica con visite guidate ed eventi in luoghi incantevoli. Scopriamo insieme tutti i dettagli di questa manifestazione che valorizza il territorio toscano attraverso un’offerta musicale di qualità.

La Presentazione del Festival

La conferenza stampa di presentazione del festival si è svolta a Pisa, alla presenza del direttore artistico Carlo Ipata, Virginia Mancini del Comune di Pisa, Manfred Giampietro dell’Università di Pisa e Maurizio Sbrana della Fondazione Pisa. Durante l’evento, è stato svelato un programma ricco e variegato che promette di affascinare gli appassionati di musica antica e i neofiti.

Un Programma di Concerti Imperdibile

Il festival prevede due concerti al giorno, ospitando alcuni dei più importanti ensemble di musica antica a livello internazionale. Tra gli ospiti più attesi troviamo:

  • ACCADEMIA DEL PIACERE il 28 giugno
  • JORDI SAVALL il 30 giugno
  • AUSER MUSICI il 4 luglio al Duomo di San Cristoforo a Barga e il 5 luglio presso il Chiostro della Sapienza a Pisa
  • LA VENEXIANA con il soprano Francesca Lombardi Mazzulli il 6 luglio
  • IMAGINARIUM ENSEMBLE con Enrico Onofri al violino e alla direzione il 7 luglio

Ogni concerto rappresenta un’occasione unica per immergersi nelle sonorità antiche e scoprire repertori raramente eseguiti.

Una Valorizzazione del Patrimonio Culturale

Il festival non è solo musica, ma anche un’opportunità per scoprire i tesori culturali della Toscana. I concerti si svolgeranno in luoghi suggestivi come:

  • Il Camposanto Monumentale, famoso per il “Trionfo della Morte” di Buffalmacco
  • Il Giardino Pensile dell’Ussero del Palazzo Agostini Venerosi della Seta
  • La Spiaggia del Gombo, situata nell’area protetta del Parco di San Rossore
  • Il Museo Nazionale di San Matteo, custode di preziose opere d’arte
  • Il Museo delle Navi Antiche, testimonianza del legame storico di Pisa con la navigazione
  • Il Bastione del Parlascio, recentemente restaurato

Un’Esperienza Itinerante ma Stanziale

Contrariamente agli anni passati, l’edizione 2024 del festival adotta una formula più stanziale, con concerti pomeridiani e serali concentrati in due lunghi weekend. La principale sede dei concerti sarà il Chiostro del Palazzo della Sapienza, riaperto al pubblico nel 2018 dopo sei anni di restauro. Un altro luogo d’eccezione sarà il Chiostro di Santa Elisabetta a Barga, che ospiterà il concerto del 4 luglio.

Accessibilità e Coinvolgimento Giovanile

Particolare attenzione è stata riservata ai giovani, con biglietti a soli 5€ per studenti e under 28. Questo sforzo mira a rendere la musica antica accessibile a un pubblico più ampio e a educare le nuove generazioni all’apprezzamento di un repertorio di grande valore culturale.

Un Commento dai Protagonisti

Carlo Ipata ha sottolineato l’importanza della collaborazione tra le istituzioni di Pisa e Barga per la realizzazione di un cartellone di altissimo livello, affermando: “Risonanze si conferma una realtà importante nel panorama musicale italiano. La piena collaborazione di tutte le principali istituzioni della città e del Comune di Barga ci permette di presentare un cartellone impreziosito da gruppi e solisti internazionali a fianco di giovani emergenti. Il festival è sempre stato e continuerà a essere prima di tutto un’idea di spazio condiviso nella musica.”

Il Sostegno delle Istituzioni

Maurizio Sbrana della Fondazione Pisa ha espresso il suo entusiasmo per il festival, dichiarando: “Con piacere sosteniamo la rassegna ‘Risonanze. Festival Toscano di Musica Antica’, in partenza tra pochi giorni con l’edizione 2024. Una iniziativa culturale che porta i concerti in luoghi suggestivi del territorio, musei, giardini, chiese, chiostri. Un connubio che valorizzare il legame tra musica e beni culturali.”

La Bellezza dei Luoghi Coinvolti

Virginia Mancini del Comune di Pisa ha sottolineato la bellezza dei luoghi coinvolti, affermando: “Mi piace molto questa proposta, anche per l’idea di coinvolgere maggiormente una fascia di pubblico giovanile, perché dobbiamo educare i giovani alla musica. Inoltre mi piace sottolineare la bellezza dei luoghi coinvolti, come ad esempio la spiaggia del Gombo.”

Un’Opportunità per i Giovani

Manfred Giampietro dell’Università di Pisa ha evidenziato l’importanza del festival per i giovani: “Con questo festival le nostre ragazze e i nostri ragazzi hanno la possibilità di avvicinarsi al grande repertorio della musica antica che è estremamente rilevante per la cultura musicale attuale, ma che si sta un po’ perdendo. E grazie a questa opportunità riusciamo a recuperare uno studio e una ricerca musicale che per noi è davvero importante.”

Un Itinerario Culturale Completo

Oltre ai concerti, il festival offre anche visite guidate gratuite nei luoghi più suggestivi di Pisa e Barga. Questo itinerario culturale completo permette di scoprire il patrimonio storico e artistico della regione, arricchendo ulteriormente l’esperienza degli spettatori.

Patrocini e Collaborazioni

Il festival gode del patrocinio della Regione Toscana ed è realizzato con il contributo di Fondazione Pisa, Banca Popolare di Lajatico, Comune di Pisa, Comune di Barga, e in collaborazione con Università di Pisa, Opera della Primaziale Pisana, Direzione regionale musei delle Toscana, Museo delle Navi Antiche di Pisa, Fondazione Teatro di Pisa, Dipartimento di Musica Antica del Conservatorio Cherubini di Firenze, Ente Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli, Circolo Ex Wide, Associazione Dimore Storiche Italiane, e con lo sponsor tecnico di Unicoop Firenze.

Biglietteria e Informazioni Utili

I biglietti possono essere acquistati presso il Teatro di Pisa, via Palestro 40, dal martedì al venerdì dalle 11:00 alle 13:00 e il martedì e giovedì anche dalle 16:00 alle 18:00. Inoltre, è possibile acquistare i biglietti presso la Sapienza nelle sere di rappresentazione a partire dalle 20:30 o telefonicamente al numero 050 941188. Per chi preferisce l’acquisto online, i biglietti sono disponibili su Vivaticket.

Il Festival Toscano di Musica Antica-RISONANZE rappresenta un’occasione imperdibile per immergersi nella musica antica e scoprire le meraviglie culturali della Toscana. Con un programma di concerti di altissimo livello, eseguiti in luoghi di straordinaria bellezza, il festival offre un’esperienza unica nel suo genere. Non perdete l’opportunità di partecipare a questa straordinaria rassegna e di vivere un’estate all’insegna della cultura e della musica antica.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend