Vai al contenuto

Stasera in tv arriva “La caduta delle aquile”

Un aviatore in carriera dalla parte dei tedeschi

Stasera in tv arriva "La caduta delle aquile"

Si combatte fra cielo e terra, nella Prima guerra mondiale: su Rai Movie, venerdì 10 maggio alle 21.10, c’è il film americano  “La caduta delle aquile”, regia di Guillermin Max, con George Peppard, James Mason, Ursula Andress.

Il giovane sergente dell’esercito tedesco Stachel riesce, non senza difficoltà, a entrare nell’aviazione: il settore è dominato da ufficiali di origine aristocratica che si mostrano ostili verso Stachel, di estrazione più modesta. Ma il pilota riesce a distinguersi, anche se in maniera non perfettamente limpida: a quel punto la propaganda militare comincia a esaltarlo, sottolineandone addirittura le umili origini. La situazione è insidiosa: i combattimenti aerei non ammettono scorciatoie.

Appassionante vicenda, “La caduta delle aquile” è un film che si concentra sulla psicologia del conflitto e sulle dinamiche militari, al di là della contrapposizione tra forze avversarie. 

La caduta delle aquile (The Blue Max, Usa 1966) di John Guillermin, con George Peppard, James Mason, Ursula Andress.

Peppard

Nacque nel 1928 a Detroit, nel Michigan, figlio di un costruttore edile della zona, George Peppard Sr., e della cantante d’opera Vernelle Rohrer. Dopo il diploma a Dearborn (Michigan) e una laurea in ingegneria alla Purdue University, decise di tentare la carriera artistica e nel 1949 esordì sulle scene teatrali a Pittsburgh. Successivamente si trasferì a New York per studiare all’Actors Studio, dove seguì i corsi del maestro Lee Strasberg, esordendo poi a Broadway a metà degli anni cinquanta e lavorando in alcune serie televisive, tra cui The United States Steel Hour (1956).

Biondo, dotato di presenza fisica, di un sorriso radioso, nel 1957 Peppard debuttò nel cinema con Un uomo sbagliato di Jack Garfein, con protagonista Ben Gazzara, cui fece seguito la partecipazione al film 38º parallelo: missione compiuta (1959) di Lewis Milestone, mentre in televisione comparve in un episodio della popolare serie Alfred Hitchcock presenta.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend