Vai al contenuto

Stasera in tv appuntamento con “Il viandante e la sua ombra”

Giorgio De Chirico e Giulio Paolini

Stasera in tv appuntamento con "Il viandante e la sua ombra"

Da Giorgio de Chirico a Giulio Paolini: un passaggio di testimone nell’arte del Novecento in cui Giulio diventa il “doppio” di Giorgio e viceversa, mentre la metafisica dechirichiana diventa metafisica concettuale e per entrambi il “quadro” si trasforma in teatro. Così, nel cortocircuito spaziale e temporale che unisce i due artisti, il tema comune del “quadro nel quadro” diventa immagine. Due grandi al centro del documentario “Il viandante e la sua ombra” di Gabriele e Raffaele Simongini, prodotto in collaborazione con la Fondazione Giorgio e Isa De Chirico e con la Fondazione Maxxi, in onda lunedì 24 giugno alle 19.25 su Rai 5.
Cercatori di enigmi, de Chirico e Paolini sono uniti anche dalla Torino metafisica e da una presa di distanza dalla realtà per lasciar affiorare l’apparizione. La discendenza di Paolini da de Chirico è anche coincidenza di date e di temi, oltre che di città. Paolini a 17 anni, nel 1958, a Torino, a Palazzo Carignano, assiste, stupito, a una conferenza in cui De Chirico attacca l’arte moderna.
Un racconto in parallelo fatto di immagini di oggi e di immagini delle Teche Rai (di cui Giorgio de Chirico è protagonista, anche nell’intervista piena di ironia realizzata da Franco Simongini, padre degli autori del documentario) e che si svolge tra Torino – dove hanno iniziato ad intrecciarsi i destini di de Chirico e Paolini – e Roma, dove de Chirico ha vissuto stabilmente dal 1947 e dove Paolini ha tenuto la sua prima mostra personale nel 1964.
Cercatori di enigmi, de Chirico e Paolini sono uniti anche dalla Torino metafisica e da una presa di distanza dalla realtà per lasciar affiorare l’apparizione.
Nel labirintico cortocircuito spaziale e temporale che unisce i due artisti, il tema comune del “quadro nel quadro” diventa immagine della vertigine nell’abisso del tempo.
Appuntamento assolutamente da non perdere.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend