Storie ed emozioni nella puntata di Pasqua de “La prima volta”

Domenica 21 aprile, alle 17.35, Cristina Parodi torna su Rai 1 con un altro appuntamento de La Prima Volta. L’avvincente emotainment della rete ammiraglia, anche questa settimana è pronto a conquistare il pubblico di Rai 1 con nuove sorprendenti storie.

Cristina Parodi per la domenica di Pasqua regalerà una puntata ricca di sorprese e tanta dolcezza, iniziando dalla presenza in studio dei Mastri cioccolatieri di una delle più antiche botteghe di Torino, che mostreranno l’antica arte della decorazione delle uova di cioccolato.

Prima ospite di questa puntata, Nathalie Guetta, attrice francese molto amata in Italia, grazie al ruolo di perpetua nella fiction Don Matteo e che l’anno scorso ha spopolato con le sue travolgenti esibizioni a Ballando con le Stelle, al fianco di Simone Di Pasquale. Nathalie vivrà una prima volta che sognava sin da piccola, ma che non ha mai avuto il coraggio di provare: pattinare sul ghiaccio. Nathalie ricorderà con Cristina gli inizi della sua carriera in Italia e rivedrà delle prime volte che la coglieranno davvero di sorpresa.

La seconda storia avrà come protagonista Ramy, un giovane ragazzo di 18 anni, che, dopo un’adolescenza travagliata, ha trovato conforto e riscatto nella boxe e per questo vivrà una prima volta indimenticabile: l’incontro con uno dei più grandi campioni del mondo di boxe, il pugile buono Giacobbe Fragomeni.

Infine, ci sarà l’emozionante prima volta di un bambino di 4 anni, Giulio Spaziani, che, insieme ai suoi genitori Samuela e Massimo, vive a Pomezia, vicino Roma. Giulio è nato senza il braccio destro. Con lui si rivivrà il momento più bello della sua giovane vita, la prima volta che ha indossato la protesi elettrica e ha commosso il mondo intero.

La Prima Volta è realizzato da Rai1 in collaborazione con Fremantle. Un programma di Tiziana Martinengo scritto con Giovanni Bagnari, Francesco D’Ambrosio, Annarita Sasso, Chiara Vannoni. Produttore esecutivo Monica Gallella. Firma la regia Fabrizio Guttuso.

Rispondi