fbpx

Anche i Romani perdevano le chiaviMartedì 4 maggio l’archeologo Luca Arioli sarà il protagonista di una visita/conversazione alla mostra “Sapiens. Da cacciatore a cyborg” presso il Museo Civico di Montebelluna. L’occasione di tale evento è l’allestimento, nel contesto della mostra, dei reperti romani rinvenuti nella zona del Mercato Vecchio – fondo Amistani.

Questi reperti, rinvenuti nel corso di sistematiche campagne di scavo condotte dal 2009 al 2013 da un gruppo eterogeneo di studiosi, sotto la direzione scientifica della Soprintendenza ABAP-VE-MET, sono molteplici e di grande valore.

In particolare, nel corso degli scavi curati dall’Università degli Studi di Verona, gli archeologi hanno messo in luce resti di strutture abitative, un muro di contenimento dalle caratteristiche peculiari, frammenti architettonici. E ancora strumenti per la filatura della lana, monete, frammenti di vetro e di ceramica, anfore per olio e per vino, piccoli oggetti di vita quotidiana. Protagonista la chiave in bronzo e ferro restaurata per l’occasione da Sara Emanuele del Laboratorio di Restauro della Soprintendenza a Padova.

Notevole, anche se frammentaria e di difficile interpretazione, è poi la documentazione epigrafica: iscrizioni su frammenti di lastre che in origine appartenevano a basi di statue; testimonianze di instrumentum inscriptum, le quali arricchiscono e integrano la conoscenza storica, onomastica ed “economica” dell’area trevigiana in epoca romana.

Molti dei reperti rinvenuti sono databili tra il I a.C. e il I d.C. e testimoniano per la Montebelluna dell’epoca un periodo denso di trasformazioni sociali e urbanistiche.

ANCHE I ROMANI PERDEVANO LE CHIAVI

Martedì 4 Maggio 2021, ore 18:00, Museo di Storia Naturale e Archeologia di Montebelluna

Iniziativa gratuita. Prenotazione obbligatoria.

L’evento sarà trasmesso anche in diretta Facebook

Per info e prenotazioni:

tel.: 0423 300465

mail: [email protected]

Share.

Leave A Reply

Aggiornamenti di PuntoZip Vuoi ricevere gli aggiornamenti di PuntoZip in tempo reale? No Sì, certo!
Send this to a friend