fbpx

Curiosarte: il mistero dell'astronauta del XVII secoloNel numero di gennaio 1999 del mensile “Focus”, apparve la foto di una porzione del decoro di una Cattedrale, dove si distingueva chiaramente la figura di un astronauta.

Va bene che il gotico è strano e contempla ogni tipo di creatura e stranezza tra le guglie e i capitelli, ma nella Catedral Nueva di Salamanca si era davvero esagerato. La rivista scrisse che il bassorilievo poteva essere l’ultima e meno conosciuta prova che in passato la Terra fosse stata più volte visitata da esseri provenienti dallo spazio.

L’astronauta di Salamanca fece molto discutere in quegli anni poichè per molti poteva rappresentare l’anomalia per antonomasia: cosa ci faceva un astronauta su una facciata di una cattedrale del XVII secolo?

Ma come succede di consueto nell’arte e nelle “faccende” umane, le spiegazioni sono spesso molto più semplici di quanto si pensi.

Il mistero fu svelato dal vicedirettore della rivista spagnola Mas Allà, egli precisò che tale statuetta non aveva nulla a che vedere con le decorazioni originali. Essa risaliva agli anni Ottanta, quando fu iniziato il restauro della Puerta de Ramos. In quell’occasione si decise con lo scultore-restauratore Miguel Romero, di lasciare impressi nella pietra anche alcuni ricordi del nostro secolo. Così, dove le ricche decorazioni del XVI secolo erano andate perdute, i restauratori inserirono altre figure significative, come la lince iberica, a rischio di estinzione, la cicogna, di cui si celebrava l’anno internazionale, e un vero astronauta, simbolo della moderna era spaziale del nostro secolo.

L’astronauta è scolpito su una facciata secondaria della cattedrale ed inserito in un bassorilievo verticale gotico. Osservando nei particolari la scultura, si può chiaramente notare la caratteristica suola a “carro armato” sotto gli scarponi e vestiti, casco e accessori del tutto simili a una moderna tuta spaziale.

Questo piccolo “scherzo artistisco” ha un che di fantastico, sia per l’idea in perfetto spirito goticheggiante, sia per il fatto che nessuno, tra vescovi e soprintendenti, fecero banali storie da mille e una notte. Vi immaginate invece cosa succederebbe in Italia se qualcuno aggiungesse un piccolo missile sulla facciata del duomo di Milano?

La scultura dell’astronauta può stimolare riflessioni relative all’unione tra Chiesa, religione e scienza, e come sempre è la natura umana a cercare e “desiderare” l’inspiegabile e il misterioso.

Tanto che, anche quando è già stata trovata una spiegazione per un fatto curioso, ci sarà sempre una piccola parte di noi che continuerà a “voler credere” nella natura “miracolosa” del fenomeno.

L’astronauta di Salamanca non è più “solo”, elementi del XX e XXI secolo sono stati via via inserti in luoghi di culto recentemente ristrutturati in varie parti del mondo.

Curiosarte: il mistero dell'astronauta del XVII secolo

Share.

Leave A Reply

Aggiornamenti di PuntoZip Vuoi ricevere gli aggiornamenti di PuntoZip in tempo reale? No Sì, certo!
Send this to a friend