fbpx

Oggi su RAI5 “L’Olandese volante” di Wagner

Oggi su RAI5 "L’Olandese volante" di WagnerÈ lo spettacolo con cui il Teatro Comunale di Bologna celebrò nel 2013 i 250 anni dalla sua fondazione e il bicentenario della nascita di Richard Wagner Der fliegende Holländer (L’Olandese volante), che Rai Cultura trasmette su Rai5 (canale 23) oggi alle 18.

L’opera romantica in tre atti del compositore tedesco, che ebbe la sua prima esecuzione italiana proprio nella Sala Bibiena, è diretta da Stefan Anton Reck e vede la regia, le scene e i costumi di Yannis Kokkos. Per il suo allestimento suggestivo e onirico, lo scenografo greco naturalizzato francese ha immaginato una grande parete inclinata che funge sia da specchio sia da fondale per le immagini proiettate; al centro della sua lettura la fedeltà a una concezione intimista e psicologica dell’opera wagneriana. Le luci sono di Guido Levi e i video di Eric Duranteau. Mark S. Doss (L’Olandese) e Anna Gabler (Senta) sono i protagonisti della leggenda nordeuropea in cui il capitano di una nave è costretto a navigare sino al giorno del giudizio. La regia televisiva è di Arnalda Canali.

Dopo la messa in onda, lo spettacolo resterà disponibile per trenta giorni su RaiPlay.

VENERDÌ 29 MAGGIO ORE 18 SU RAI5

Der fliegende Holländer (L’Olandese volante)

Opera romantica in tre atti

Musica e libretto di Richard Wagner

Direttore Stefan Anton Reck

Regia, scene e costumi Yannis Kokkos

Ripresa da Stephan Grögler

Maestro del Coro Andrea Faidutti

Luci Guido Levi

Video Eric Duranteau

Regia televisiva Arnalda Canali

Mimi Eleonora Massa, Olimpia Vivarelli, Stefania Pascali, Luca Degli Esposti, Luigi Cilli, Mario Gualandi, Manfredo Menighetti, Massimiliano Briarava, Matteo Malacarne

Allestimento del Teatro Comunale di Bologna

Orchestra, Coro e Tecnici del Teatro Comunale di Bologna

Nuovo Coro Lirico Sinfonico Romano

Maestro del Coro Stefano Cucci

L’Olandese Mark S. Doss

Daland Mika Kares

Senta Anna Gabler

Erik Marcel Reijans

Mary Monica Minarelli

Il timoniere di Daland Gabriele Mangione

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *