Vai al contenuto

Stasera in tv appuntamento con “Cento anni di musica”

Omaggio a Maria Callas

Stasera in tv appuntamento con "Cento anni di musica"

Il concerto omaggio a Maria Callas con l’Orchestra Filarmonica della Calabria diretta da Filippo Arlia e il Coro Lirico siciliano diretto da Francesco Costa, con Barbara Frittoli: uno spettacolo che Rai Cultura propone sabato 29 giugno alle 23.20 in prima visione su Rai 5. I brani sono tratti da La Traviata, Otello e Nabucco di Verdi, Cavalleria rusticana di Mascagni, La Bohème di Puccini e Adriana Lecouvreur di Cilea. Regia di Domenico Riccelli. Autori, Domenico Gareri e Filippo Arlia.

Dotata di una voce dal timbro non omogeneo e di grande volume, Maria Callas sviluppò un magistrale controllo della voce, notevole estensione ed agilità grazie alla formazione belcantistica ricevuta dal soprano Elvira de Hidalgo. Unito alla grande musicalità e natura drammatica, questo forte bagaglio tecnico la rese artefice della riscoperta del repertorio italiano della prima metà dell’Ottocento insieme ai direttori Tullio Serafin, Antonino Votto e Nicola Rescigno, in particolare di Vincenzo Bellini e Gaetano Donizetti. In seguito alle storiche riprese dei ruoli scritti per Maria Malibran e Giuditta Pasta, la critica reintrodusse il termine soprano drammatico d’agilità. Si ricordano Armida e Il turco in Italia di Rossini, Il pirata di Bellini, Anna Bolena di Donizetti, Alceste e Ifigenia in Tauride di Gluck, La Vestale di Spontini, Macbeth di Verdi, Medea di Cherubini, spesso celebrate come esecuzioni storiche dalla critica.

Il successo artistico e la successiva esposizione mediatica dovuta alle frequentazioni sociali extra-teatrali hanno costruito un mito attorno a lei, attribuendole l’appellativo di Divina.

Callas era un soprano drammatico, ma studiando si appropriò di una grande coloratura ed estensione, riscoprendo le possibilità del soprano drammatico ai tempi di Bellini e Donizetti. Fu così che Gara coniò per lei la definizione di soprano drammatico d’agilità, categoria vocale in cui rientravano le primedonne Maria Malibran e Giuditta Pasta: si trattava infatti di mezzosoprani.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend