Vai al contenuto

Stasera in tv appuntamento con Iconologie quotidiane

Andrea Bonaiuti

Stasera in tv appuntamento con Iconologie quotidiane

Il cosiddetto Cappellone degli Spagnoli è l’antica sala capitolare della chiesa di Santa Maria Novella a Firenze ed è al centro del nuovo appuntamento con Rodolfo Papa e “Iconologie quotidiane”, il programma di Rai Cultura in onda mercoledì 12 giugno alle 20.00 in prima visione su Rai Storia. Assume questo nome nel XVI secolo, quando viene usato per le funzioni religiose della corte di spagnoli venuti a Firenze al seguito di Eleonora di Toledo, sposa di Cosimo I dei Medici. Il Cappellone conserva un ciclo di affreschi di Andrea Bonaiuti, datato 1365-1367. L’iconografia del ciclo è stata probabilmente dettata dal frate domenicano Jacopo Passavanti, scrittore, teologo e architetto del 1300, e si riferisce ai concetti da lui illustrati nell’opera “Lo Specchio di vera penitenza”.

Vi si accede attraverso un portale con architrave scolpita, opera forse del Talenti stesso, con il Martirio e l’Ascesa di san Pietro Martire. L’illuminazione è assicurata da un’elegante bifora verso il chiostro, e da un oculo sull’altare.

Si tratta di un’aula un’unica grande campata di una volta a crociera a sesto acuto con costoloni bicromi, sorretta agli angoli da quattro pilastri ottagonali. A forma rettangolare, verso ovest ha una scarsella dove è contenuto l’altare ed un crocifisso marmoreo di Domenico Pieratti dei primi anni del Seicento, donato nel 1731 da Gian Gastone de’ Medici. Sull’altare si trovava un tempo il polittico di Bernardo Daddi, ora esposto nel refettorio.

Le decorazioni di questa zona sono del 1592 e furono eseguiti da Alessandro Allori e Bernardino Poccetti. Al primo spettano, col ricorso ad aiuti di bottega, la pala sulla parete di fondo, con San Jacopo condotto al martirio che guarisce un paralitico, e i sei santi spagnoli af affresco sulle pareti laterali, sormontati da scene a monocromo della loro vita.

Un appuntamento assolutamente da non perdere con l’approfondimento e la scoperta.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend