Vai al contenuto

Stasera in tv appuntamento con “Wargames, giochi di guerra”

Un antenato degli hacker e la minaccia atomica

Stasera in tv appuntamento con "Wargames, giochi di guerra"

Provate a spegnere telefonino e computer e immergetevi nella preistoria del mondo telematico. Venerdì 5 gennaio Rai Movie in prima serata (ore 21.15) propone “Wargames, giochi di guerra”, di John Badham, con Matthew Broderick, Ally Sheedy, Dabney Coleman e John Wood.

Siamo a Seattle, nel 1983: il giovanissimo David è un appassionato di informatica e hacker ante litteram. Il ragazzo s’ingegna per collegarsi ai server di un’azienda di videogiochi, ma per errore entra invece nei sistemi informatici del Pentagono, innescando senza volerlo un’escalation militare che porta il mondo sull’orlo della guerra termonucleare globale. Solo David è in grado di fermare il computer prima della catastrofe, ma gli servirà l’aiuto dello scienziato che aveva progettato il sistema.

Presentato fuori concorso al 36º Festival di Cannes, il film propone temi e argomenti tipici dei primi anni ottanta caratterizzati dalla corsa agli armamenti, dallo stallo degli accordi SALT e dal dispiegamento degli euromissili secondo una prospettiva progressista e pacifista. La morale del film si basa sul concetto di distruzione mutua assicurata.

La tecnica usata da David per identificare il recapito della “Protovision” (chiamare in sequenza tutti i numeri telefonici di una data zona) era effettivamente usata dagli hacker che, in onore al film, la ribattezzarono “Wardialing” (‘to dial’ = digitare un numero telefonico).

Nel film si vede David che vuole effettuare una telefonata da un telefono pubblico, ma non ha monete e allora solleva la cornetta e svita il tappo che racchiude il microfono del telefono e creando con questo un corto circuito nell’apparecchio con una linguetta di lattina trovata per terra, effettua la telefonata gratuitamente. Questo sistema non è una finzione e venne effettivamente utilizzato negli anni ottanta e consentiva di frodare le compagnie telefoniche non pagando i costi delle telefonate, anche internazionali, dai telefoni pubblici.

Appuntamento assolutamente imperdibile.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend