fbpx

Stasera in TV: Valle D’Aosta, dove i giganti raccolgono i fiori. Su Rai5 (canale 23) una terra armonica

Su Rai5 (canale 23) una terra armonica

I tetti delle case cambiano di sostanza e colore. La pietra prende il posto delle tegole e le case di pietra si mimetizzano con la roccia delle montagne. È il primo tangibile segno di armonia fra uomo e natura che caratterizza la Val d’Aosta. Una regione di confine è al centro del documentario in prima visione “Valle D’Aosta, dove i giganti raccolgono i fiori” di Paolo Severini in onda domenica 10 ottobre alle 22.10 su Rai5.
Quando si pensa alla Valle d’Aosta si corre il rischio di cadere nei luoghi comuni che identificano la regione: le mucche, la fontina e ovviamente le montagne. In realtà si tratta di un territorio che offre tante altre sfumature.
Tra i personaggi protagonisti del viaggio nella valle, Roberta, una delle croupier del Casinò di Saint Vincent che racconta il suo lavoro; Bruno che ha passato la sua vita a costruire tetti e a scalare cime, stabilendo il record di velocità in salita e discesa dalle cime più alte d’Europa e del mondo; Ettore, un “lauzeur” che porta le montagne sui tetti delle case; Federico, che studia Medicina anche mentre si dedica alle mucche e al loro latte, per produrre Fontina.
Non mancano il Parco Nazionale del Gran Paradiso e la valle di Rhemes Notre Dame: nella casa adiacente alla settecentesca chiesa della Visitazione vivono tre monaci benedettini. Il loro quotidiano è scandito dalla preghiera e dalla cura dell’orto. Non manca lo studio, la meditazione e la celebrazione della Messa per la piccola comunità di Rheme. A un centinaio di metri dalla chiesa della Visitazione vive Luis, 85 anni vissuti fra quelle montagne.
Il viaggio termina sul tetto d’Europa, a 3600 metri, sul Monte Bianco, in compagnia di Ezio, il presidente dell’Unione valdostana delle guide di alta montagna.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiornamenti di PuntoZip Vuoi ricevere gli aggiornamenti di PuntoZip in tempo reale? No Sì, certo!
Send this to a friend