fbpx

ELENA ARVIGO – SOLILOQUI POETICI DEL MITO – da “Quarta Dimensione” di Ghiannis Ritsos

ELENA ARVIGO - SOLILOQUI POETICI DEL MITO - da “Quarta Dimensione” di Ghiannis RitsosDi rientro dalla Mostra del Cinema di Venezia – è tra i protagonisti del cortometraggio “Zombie” – Elena Arvigo approda mercoledì 16 settembre alla Cavea Civica di Calenzano (Firenze) con il nuovo spettacolo teatrale “Soliloqui poetici del mito: le altre eroine”, di cui è autrice e interprete.

Appuntamento – prima regionale –  nell’ambito di Avamposti Teatro Festival organizzato dal Teatro delle Donne: sono previste due recite, alle ore 19 e alle ore 22. Prenotazioni allo 055.8877213 o via mail a [email protected], prevendite nei punti Box Office Toscana e online su Ticketone. Ingressi da 5 a 15 euro, riduzioni per over 60, under 25, Coop, Arci, Uisp, ATC, residenti a Calenzano.

“Soliloqui poetici del mito: le altre eroine” rende omaggio al poeta greco Ghiannis Ritsos e trae linfa dalla sua raccolta “Quarta Dimensione”, poemi brevi ispirati alla mitologia.

Uno scenario, quello mitologico, in cui il poeta innesta la sua memoria individuale, aprendo squarci sulla quarta dimensione. Troia, Tebe, Argo sono allusivi archetipi dell’insensata catena di guerre, rivoluzioni e fratricidi di ogni tempo.

“Alcune donne di Quarta Dimensione sono ‘altre’ eroine – spiega Elena Arvigo – altre nel senso che, nei racconti solenni, si adagiano talvolta all’ombra di maggiori Signore. Crisotemi, più che di identità propria esisteva come riflesso di Elettra, la sorella estrema; Persefone, la fragile, era la proiezione del desiderio materno di Demetra; Ismene, la sorella mite della “guerriera” Antigone. Ritsos le riesce a riscattare. Di altre donne invece consegnate al mito già in gloria, come Antigone o Elena, mostra le fragilità, le dissacra con ironia e sapienza, restituendogli così quell’umanità celata in ogni lacrima. Il punto è di non ritorno. Nella Quarta Dimensione il mito si estingue, evade dalla sua cornice. Entra la vita, con la sua pienezza ingombrante. E Il tempo continua a ritornare”.

I nomi sono perduti nel passato: Fedra, Antigone, Demetra, Menelao, Elena. Di loro restano solo parole e statue ma finché le ricorderemo il tempo continuerà a tornare e non saremo soli.

Il teatro diventa destinazione e mezzo per restituire la voce di Ghiannis Ritsos, il luogo in cui qualcuno resiste e dove si può rinnovare il racconto della storia umana, della bellezza dell’uomo.

FAVOLE&MERENDA – Sempre mercoledì 16 settembre, alla Biblioteca Civica di Calenzano (Firenze), torna “Favole&merenda” spettacolo per bambini a cura di Giulia Aiazzi, ingresso libero.

AVAMPOSTI TEATRO FESTIVAL – “Lezioni di respiro” – dal romanzo di Anne Tyler – è il titolo scelto per la nuova edizione di Avamposti Teatro Festival – fino al 20 settembre a Firenze, Calenzano e Sesto Fiorentino – organizzata dal Teatro delle Donne di Calenzano (Firenze), con il contributo di Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, Regione Toscana, Fondazione CR Firenze, Città Metropolitana e Comune di Calenzano, Intercity Festival, in collaborazione con Comune di Firenze_Estate Fiorentina, Quartiere 4, Rat, Unicoop Firenze.

Programma completo e dettagli sul sito ufficiale www.teatrodelledonne.com.

www.teatrodelledonne.com
facebook/ilteatrodelledonne
twitter/teatro_donne
instagram/teatrodelledonne

Biglietti spettacoli
Interi 15 euro ridotti 12 euro (over 60, under 25, Coop, Arci, Uisp, ATC)
Ridotti 7 euro per i residenti nel Comune di Calenzano
Ridotti 5 euro per gli iscritti ai corsi di formazione

Favole&Merenda
Ingresso gratuito

Saggi Ctf
Biglietto 7 euro

Prevendite
Circuito Box Office Toscana e online su www.ticketone.it
Orario biglietteria teatro: dalle ore 18.00

INFO E PRENOTAZIONI

IL TEATRO DELLE DONNE – Centro Nazionale di Drammaturgia
Sede operativa: TEATRO MANZONI
via Mascagni, 18 – 50041 Calenzano (FI)
Tel. 055.8877213 – [email protected] – www.teatrodelledonne.com

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *