fbpx

KENT NAGANO debutta sul podio dell’Orchestra RAI

KENT NAGANO debutta sul podio dell’Orchestra RAISegna il debutto del grande direttore nippo-americano Kent Nagano sul podio dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai il concerto in programma giovedì 14 gennaio alle 20.30 all’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino. La serata, realizzata a porte chiuse, è trasmessa in diretta su Radio3 e in live streaming sul portale di Rai Cultura. È anche ripresa da Rai5 che la trasmetterà in prima serata giovedì 4 marzo.

Nato in California, a Berkeley, Nagano ha studiato musica alla University of California di Santa Cruz e successivamente alla San Francisco State University. Ha iniziato la sua carriera all’Opera di Boston, ma ben presto è salito sul podio delle compagini più prestigiose, arrivando a ricoprire ruoli di direzione stabile presso istituzioni come l’Opéra de Lyon, la Hallé Orchestra di Manchester, la Deutsches Symphonie-Orchester di Berlino, l’Opera di Los Angeles, la Bayerische Staatsoper di Monaco e l’Orchestre Symphonique de Montréal. Attualmente è a capo della Staatsoper e della Philharmonisches Staatsorchester di Amburgo.

Grande specialista del repertorio novecentesco, per il suo primo concerto con l’Orchestra Rai propone la Musica per archi, percussioni e celesta di Béla Bartók, scritta nel 1936 su commissione di Paul Sacher per celebrare il decimo anniversario della Kammerorchester di Basilea, e resa celebre anche dal magistrale utilizzo che ne fece Stanley Kubrick nel suo film The Shining.

Nella seconda parte della serata sale sul palco anche il pianista italiano Benedetto Lupo, che sostituisce il previsto Rudof Buchbinder, impossibilitato a viaggiare a causa della pandemia. Benedetto Lupo ha debuttato a tredici anni con il Primo concerto per pianoforte e orchestra di Beethoven. Si è imposto all’attenzione internazionale nel 1989 al Concorso Van Cliburn, collaborando successivamente con le più prestigiose orchestre americane ed europee. Per il suo ritorno con l’Orchestra Rai propone il Concerto n. 1 in re minore per pianoforte e orchestra op. 15 di Johannes Brahms, pagina giovanile di un romanticismo scoperto e dalla gestazione faticosa, che vide la luce nel 1859 dopo quattro anni di ripensamenti, con l’autore al pianoforte.

In ottemperanza alle ultime disposizioni della Presidenza del Consiglio dei Ministri, i concerti dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai si svolgono a porte chiuse, senza la presenza del pubblico nell’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *