fbpx

Le OGR di Torino riportano in scena la musica live con "Good Vibes". Primo evento con M¥SS KETA giovedì 18 marzoIn un momento in cui i palchi sono vuoti e le luci spente, OGR Officine Grandi Riparazioni di Torino hub di 35.000 metri quadrati dedicato all’arte, alla cultura contemporanea e all’innovazione – riporta attraverso il progetto OGR Good Vibes gli artisti sul palco per sostenere un comparto, quello della musica dal vivo, che nell’ultimo anno ha perso il 97% del fatturato.

Annunciati: M¥SS KETA, Bebo Guidetti e Lodo Guenzi de Lo Stato Sociale in “Libertini Invisibili – Tondelli Vs Calvino”, Motta. Spazio per le nuove proposte con zYp, Fusaro con special guest Bianco, Love Trap, Tutti Fenomeni e Marco Castello. Il primo appuntamento, con il set di M¥SS KETA, sarà trasmesso sul canale YouTube delle OGR alle ore 22 del 18 marzo

Grazie a una serie di sessioni musicali unplugged e reading registrati all’interno del Duomo, area iconica delle ex officine, verranno coinvolte maestranze e professionalità legate all’organizzazione di eventi, settore attualmente tra quelli più in difficoltà. Un segnale chiaro in sintonia con OGR, che da sempre mira ad essere un propulsore di crescita del capitale culturale, sociale ed economico del territorio. Una produzione firmata OGR, i cui contenuti video saranno trasmessi sui canali social dell’hub culturale di Torino.

OGR Good Vibes crea un salotto musicale, una stanza dedicata alla musica e alle sue sfumature, un luogo dove la musica live acquisisce una dimensione site-specific online e in cui gli artisti coinvolti si appropriano di un linguaggio artistico intimo e personale. OGR Good Vibes si pone come cassa di risonanza, metaforica e reale, per dialoghi inediti, vibrazioni musicali e collaborazioni virtuose. 

La sessione musicale di M¥SS KETA, rapper dall’attitudine punk, è anticipata da un’intervista “a tu per tu”, online sul canale YouTube dall’11 marzo alle 18.00, un viaggio tra riflessioni e parole attraverso gli spazi delle OGR, dal Duomo alla mostra Cut a Rug a round square a cura dell’artista Jessica Stockholder, on view nel Binario 1 delle OGR Cult.

  

Prosegue inoltre l’obiettivo di OGR di supportare la scena musicale torinese e non solo, dando spazio ad artisti emergenti: annunciata anche la data del 9 aprile che vedrà protagonisti Fusaro, con ospite special guest Bianco, e la band zYp.

La line up di OGR Good Vibes, produzione originale OGR in collaborazione con TOdays Festival, popolerà il canale YouTube fino alla fine di maggio 2021 con concerti, reading e interventi musicali.

Gli artisti annunciati:

M¥SS KETA

Il volto, sempre nascosto da una mascherina e un paio di occhiali scuri, una scelta anzitempo sbarcata sul New York Times. Dopo innumerevoli sold out e partecipazioni televisive, il 13 novembre 2020 viene pubblicato Il cielo non è un limite. Per OGR Good Vibes, l’icona electro-pop, ha creato una performance in versione speciale ed esclusiva, in una veste intima e affascinante.

“Libertini Invisibili – Tondelli Vs Calvino”
Alberto “Bebo” Guidetti e Lodovico “Lodo” Guenzi (Lo Stato Sociale)

Dall’incontro impossibile tra il mondo sfacciato di Altri libertini e le raffinate fantasie combinatorie delle Città invisibili, nasce un reading che suona come la musica de Lo Stato Sociale: imprevedibile, sfrontato, geniale. Lodovico “Lodo” Guenzi e Alberto “Bebo” Guidetti alternano alla lettura dei due autori anche altri testi e poesie proprie.

Motta

Francesco Motta: polistrumentista, cantante, autore. Nel 2016 pubblica l’acclamato “La Fine Dei Vent’Anni” il primo disco da solista di cui scrive i testi, compone la musica e cura gli arrangiamenti. Un album prodotto da Riccardo Sinigallia, acclamato dalle principali testate nazionali. A fine 2016 viene premiato dal MEI con il Premio Speciale PIMI per il miglior album di esordio e ritira la prestigiosa Targa Tenco per la migliore Opera Prima. Nel 2018 con l’album “Vivere o Morire”, pubblicato da Sugar, vince nuovamente la Targa Tenco per la categoria Disco in assoluto. Per la prima volta nella storia della manifestazione un artista riceve due targhe per i primi due album.

zYp
Band dal sound che unisce mood urban e dolcezza, nascono nel 2012 in Barriera di Milano a Torino dove affittano una saletta allo sPAZIO211. La prima uscita nel 2016 con l’EP “Non Sapevamo Scegliere”. Gruppo dalla vocazione collettiva, fondano “Lumimic” – rete internazionale di musicisti e artisti visivi e la crew di DEWREC. Nel 2020 escono i singoli Desertica, Rettile e Sole Fermo che precedono la release del loro primo disco “zYp” nel Febbraio 2021.

Fusaro

Fabrizio Fusaro, nasce a Settimo Torinese nel 1997. Dal 2017 si esibisce su numerosi palchi e apre i concerti di vari artisti: Ministri, Eugenio in Via di Gioia, Bianco, Daniele Celona, Gnut e altri. Di quel che c’è non manca niente, suo primo albuM appena pubblicato per Libellula / Vertigo con la produzione artistica di Ale Bavo, evidenzia l’influenza del cantautorato italiano degli anni Duemila con synth pop e alternative pop dal sapore internazionale ed è anticipato da collaborazioni con artisti come Bianco.

Tutti Fenomeni

Tutti Fenomeni è Giorgio Quarzo Guarascio, romano, classe 1996. Cantautore post-moderno, cresciuto nell’era della trap. Le sue canzoni sono un mix di influenze musicali che si incontrano con il gioco della decontestualizzazione. Il suo disco d’esordio, “Merce Funebre”, prodotto da Niccolò Contessa de I Cani, è uscito per 42 Records nel marzo del 2020.

Marco Castello

Classe 1993 è un polistrumentista siciliano. Ha girato il mondo al fianco di Erlend Øye dei Kings of Convenience nel progetto La Comitiva e si è laureato ai civici corsi di jazz della scuola Claudio Abbado di Milano. Batterista funk e cantante capace di suonare chitarra, tromba, piano e scrivere canzoni. Il suo sound è delicato e groove, jazz e pop, tradizione e influenze internazionali. “Contenta Tu” è il suo disco d’esordio, appena uscito per 42 Records e Bubble Records.  

Love Trap

Love Trap è il progetto nato nel 2018 di due volti noti della scena garage/punk underground italiana ed europea: Stefano Isaia (Movie Star Junkies, LAME) e Marco Spigariol (Krano, Vermillion Sands). Un ritrovato gusto musicale, classico e contemporaneo, li porta all’album di debutto in cui ogni canzone cattura le emozioni umane più primitive, intrise di un senso di profonda malinconia, di costante ricerca di equilibrio tra amore, perdita e rimpianto.

OGR – Officine Grandi Riparazioni

Tra la fine dell’Ottocento e i primi anni Novanta, le OGR-Officine Grandi Riparazioni di Torino rappresentano un’eccellenza nella fabbricazione e manutenzione dei treni, una ‘cattedrale’ industriale di 35.000 mq nel cuore della città. A metà degli anni Novanta però le OGR si svuotano: operai e treni lasciano spazio ad alberi e felci selvatiche.

Il 30 settembre 2017 le OGR rinascono grazie alla Fondazione CRT, sotto la guida del Segretario Generale nonché Direttore Generale OGR Massimo Lapucci. Un’opera di rigenerazione urbana all’insegna della sostenibilità con la mission di creare valore per il territorio e la collettività. Conservando l’identità storica e diventando officine aperte delle idee, della creatività e dell’innovazione con sguardo internazionale, le OGR sono un esempio di venture philantropy unico in Europa.

Dall’apertura le OGR ospitano migliaia di visitatori; opere site-specific di Kentridge, Tuttofuoco, Herrera, Gillick; mostre personali di Sehgal, Hiller, Nelson, Paglen, Stockholder o biennali, come la Biennale dell’Immagine e del Movimento; concerti dei The Chemical Brothers, Kraftwerk, Pixies, New Order, John Cale, Michael Nyman, Ezio Bosso e Tom Walker; avviano partnership con festival ed istituzioni europee, dalla Tate di Londra al Manchester International Festival, passando per la Caixa Foundation di Barcellona e accolgono il progetto Learn and Play! teamLab Future Park del collettivo giapponese teamLab.

Le OGR sono oggi hub per l’accelerazione di impresa oltre che crocevia di cultura contemporanea, ecosistema per startup, scaleup e fiore all’occhiello del panorama gastronomico locale. Spazio in continuo movimento, le OGR coltivano il dialogo trasversale con istituzioni locali, nazionali e internazionali: dal Barbican di Londra, passando per il Walker Art Center di Minneapolis e Microsoft, dai produttori e designer locali a network internazionali come Techstars e View Conference, adottando una prospettiva phygital con produzioni originali per il digitale firmate OGR.

Share.

Leave A Reply

Aggiornamenti di PuntoZip Vuoi ricevere gli aggiornamenti di PuntoZip in tempo reale? No Sì, certo!
Send this to a friend