Premio GammaDonna 2022: Claudia Persico, Persico Group è l’imprenditrice più innovativa dell’anno

Premio GammaDonna 2022: Claudia Persico, Persico Group è l’imprenditrice più innovativa dell’annoSempre più innovative e disposte ad investire nel digitale e nella sostenibilità. Sono le imprenditrici salite oggi sul palco dell’Italian Tech Week alle OGR Torino, in occasione del Premio GammaDonna che dal 2004 valorizza i talenti dell’imprenditoria femminile. Confermando quanto indicato nel V Rapporto Unioncamere sull’imprenditoria femminile, secondo cui durante la ripresa post pandemia sono state proprio le imprese al femminile a spingere di più sugli investimenti nel digitale (+14%) e nel green (+12%), il Premio ha voluto riconoscere la visione e il coraggio delle donne che guidano imprese che investono sul futuro.

La 14a edizione ha incoronato Claudia PersicoCEO & Rotational Director della multinazionale Persico Group, per aver contribuito a orientare le strategie di crescita del Gruppo verso un deciso salto produttivo improntato alla neutralità tecnologica, alla sostenibilità ambientale ed all’economia economia circolare, investendo ulteriormente in processi per la drastica riduzione dei consumi e l’utilizzo di fonti rinnovabili in settori come l’automotive, l’aerospazio, la nautica, l’urban mobility e l’ingegneria biomedica.

Insieme a Claudia Persico, sul palco dell’Italian Tech Week sono state premiate anche Danila De Stefano (Unobravo) che si è aggiudicata il “Giuliana Bertin Communication Award“, Chiara Petrioli (WSense) che ha vinto il “Women Startup Award” powered by Intesa Sanpaolo Innovation e Martina Capriotti (Mirta) a cui è andata la prima edizione dell’“Assist Digital Award”.

Mai come in questo momento c’è bisogno di sostenere e valorizzare il coraggio e la visione delle donne imprenditrici – ha commentato Valentina Parenti, Presidente GammaDonna. – Le storie delle 50 imprese selezionate, e ancor più delle sette finaliste, confermano il potenziale e il talento che le donne possono mettere in campo per un modello di sviluppo sostenibile e inclusivo, portando in dote competenze sempre più tecniche e scientifiche.

 

CHI È LA VINCITRICE

Neutralità tecnologica, sostenibilità ambientale, economia circolare: le sfide dell’imprenditrice della multinazionale bergamasca dove è nata Luna Rossa.  Claudia Persico è CEO & Rotational Director di Persico Group, nata come piccola modelleria in una cantina e diventata in poco tempo una rinomata multinazionale italiana con quartier generale a Nembro (Bergamo) e sedi in tutto il mondo. L’azienda di famiglia nasce nel 1976 e realizza stampi, presse, impianti e soluzioni completamente automatizzate per diversi settori ad alta tecnologia. L’ultima sfida di Claudia riguarda il green. La forte attenzione alla neutralità tecnologica e alla sostenibilità ha portato Persico a ridurre drasticamente i consumi e utilizzare fonti rinnovabili: un esempio ne è SMART H2 – macchinario a riscaldamento elettrico in grado di realizzare, attraverso il processo rotazionale, la struttura interna dei serbatoi per lo stoccaggio dell’idrogeno – che Claudia sta lavorando per rendere completamente automatizzato, in collaborazione con colossi del mondo automotive. Dopo la consacrazione nel settore nautico a seguito della realizzazione delle imbarcazioni in carbonio di Luna Rossa per l’ultima Coppa America, tra gli obiettivi futuri c’è il posizionamento nei settori aerospace e urban mobility. E un ulteriore passo avanti nella sostenibilità attraverso il riciclo delle materie prime di scarto, sulla scia della business unit Marine che già utilizza gli scarti del composito per realizzare protesi sanitarie.

 

IL PREMIO GAMMADONNA

“Aver ottenuto questo riconoscimento è come trovarsi sulla vetta di una montagna. – ha dichiarato Claudia Persico – Una vittoria che fortifica il mio credo nella leadership gentile, capace di guidare l’impresa nel cambiamento attraverso l’innovazione. Ma non dobbiamo mai dimenticare quanto allenamento, sforzo e tempo sono serviti per raggiungerla.  Per le imprenditrici che hanno visione, che credono in un nuovo modello di sviluppo e puntano fortemente su questo, c’è sempre una nuova montagna da scalare.  Oggi sono qui perché non ho mai voluto mollare: bisogna sempre trovare il modo per raggiungere i propri obiettivi e immaginarsi nuove vette, perché assaporiamo meglio le conquiste se hanno richiesto impegno e dedizione.”

 

WOMEN STARTUP AWARD powered by Intesa Sanpaolo Innovation Center

Vince il riconoscimento di Intesa Sanpaolo Innovation Center assegnato alla startupper più innovativa Chiara Petrioli  partner & CTO WSense – eccellenza internazionale nella frontiera dell’Internet of Underwater Things (IoUT), che sviluppa tecnologie per connettere e monitorare il mondo sottomarino per uno sviluppo sostenibile della blue economy. “Il Premio GammaDonna offre un punto di vista privilegiato sull’imprenditoria femminile innovativa del nostro Paese e le tendenze che la caratterizzano – ha affermato  Vincenzo AntonettiHead of Network Development of Innovation, Intesa Sanpaolo Innovation Center – Le ultime edizioni, in particolare, hanno evidenziato una significativa crescita in settori come  l’ICT e il deep-tech, grazie al maggior numero di donne che nelle università, nei centri di ricerca e nelle imprese scelgono di intraprendere percorsi formativi e lavorativi legati alle materie STEM”.

GIULIANA BERTIN COMMUNICATION AWARD   

Vince lo speciale riconoscimento di Valentina Communication (ideatrice del Premio) istituito in memoria della sua fondatrice e assegnato all’imprenditrice che si è distinta nel campo della comunicazione online e offline, Danila De Stefano – founder & CEO Unobravo – la startup che ha “normalizzato” il tema della salute mentale e diffuso consapevolezza sull’importanza del benessere psicologico, traghettando la psicoterapia nel mondo digitale. Per Marco Parenti CEO di Valentina Communication “abbiamo voluto premiare lo stile di comunicazione di Unobravo: un mix autorevole di scienza, ironia e “buzzing”, grazie al quale ha superato lo stigma che circonda il ricorso alla psicoterapia, consentendo a oltre 50mila persone di prendersi cura della propria salute mentale”.

ASSIST DIGITAL AWARD

Vince l’Award per il “Digital with purpose”, Martina Capriotti – cofounder Mirta – che, con l’obiettivo di rivoluzionare il settore moda, ha creato la showroom digitale dedicata alle boutique e alle piccole realtà artigiane locali che creano prodotti di alta qualità, unici e sostenibili. Come sottolinea Francesca Gabrielli, CEO di Assist Digital “In pochissimi anni, Martina Capriotti ha reinventato il proprio modello di business portando immediato valore economico, assumendo oltre 60 persone dall’inizio del suo percorso e portando valore agli artigiani locali. L’evoluzione del business, messa in atto con il digitale, riflette la scommessa dell’imprenditrice su un futuro in cui, nel mondo della moda, saranno protagoniste le piccole realtà artigiane locali; ed è per questo sguardo al futuro e agli immediati benefici per le comunità locali che abbiamo voluto premiare Mirta”.

L’IMPRENDITORIA FEMMINILE IN ITALIA  

Secondo il V Rapporto Unioncamere sull’imprenditoria femminile (dati Osservatorio sull’Imprenditoria femminile di Unioncamere – giugno 2022), il mondo delle imprese femminili conta 1 milione e 345mila attività, il 22,2% del totale delle imprese italiane, con una forte diffusione nel Mezzogiorno (il 36,8% delle imprese guidate da donne opera in queste regioni). Il confronto con lo scorso anno mostra un incremento soprattutto nell’industria (+0,3%) e nei servizi (+0,4%), tra le società di capitali (+2,9%), nel Mezzogiorno (+0,6%), tra le imprese straniere (+2,6%). Più giovani donne scelgono la via dell’impresa: le imprese giovanili femminili under 35 sono il 10,5% del totale delle aziende condotte da donne (141.360) contro il 7,6% sull’insieme delle imprese maschili. Nel primo trimestre 2022 le donne hanno dato vita a 1.840 startup innovative (12,6% del totale): è sul fronte dell’innovazione e del green che l’imprenditoria femminile dà il meglio di sè. Come indicato nel rapporto “la ripresa post pandemia ha convinto un ulteriore 14% di imprese femminili ad iniziare ad investire nel digitale (a fronte dell’11% delle aziende maschili) e un 12% a investire nel green (contro il 9%). A queste si aggiunge, in misura equivalente alle imprese non femminili, un 31% di aziende che ha aumentato o mantenuto costante gli investimenti in tecnologie digitali in questi anni, e il 22% che ha fatto altrettanto nella sostenibilità ambientale (contro il 23% delle altre imprese). Le donne d’impresa, quindi, si sono lanciate nella duplice transizione che le politiche europee sostengono con forza e che rappresenta il core del PNRR italiano. Ma non senza difficoltà. La metà delle imprese femminili, infatti, ha interrotto gli investimenti o addirittura esclude di volerli avviare nel prossimo futuro”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*