fbpx
Ultimo episodio di 'Quello che è - Nuove storie italiane': il rugbista Maxime Mbandà, il tuffatore Eduard Timbretti Gugiu e la mezzofondista Najla AqdeirLunedì 2 novembre alle ore 21.10 su laF (Sky 135) va in onda l’ultima puntata di “QUELLO CHE è – Nuove storie italiane”, la produzione originale laF – la TV di Feltrinelli con Antonio Dikele Distefano che racconta senza stereotipi l’Italia multiculturale e pluridentitaria attraverso le voci di personaggi famosi e persone comuni, con percorsi personali, professionali e origini diverse ma tutti accomunati dall’essere protagonisti di nuove storie italiane.
L’ultimo appuntamento approfondisce il mondo dello sport con la storia del giocatore della Nazionale Italiana di rugby Maxime Mbanda, nato in Italia da padre congolese e madre campana, con il quale Dikele parla di coraggio, di famiglia e dei concetti di perdita e vittoria: “Essere un vincente vuol dire riuscire a raggiungere degli obiettivi che ti sei posto, sia a livello personale che a livello di squadra. Vincere è bellissimo però penso che anche perdere sia importante, perché dalle sconfitte puoi imparare dove hai sbagliato, capire i tuoi errori”. Dopo aver praticato nuoto da bambino, Maxime sceglie di dedicarsi al rugby per poter vivere quella dimensione di condivisione e collettività tipica degli sport di squadra, che durante i mesi più duri della pandemia l’ha portato a mettersi in prima linea e diventare volontario nella Croce Gialla per dare il suo contributo al Paese. Una scelta per il quale è stato da poco insignito dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella del titolo di Cavaliere al Merito della Repubblica come esempio e modello per le nuove generazioni di giovani sportivi: “Giorno dopo giorno si possono fare delle cose per migliorare la nostra vita e quella delle altre persone. Devi sempre cercare di dare il meglio di te”.
L’importanza del supporto di una squadra emerge anche dal racconto del giovane campione italiano di tuffi Eduard Timbretti Gugiu: “In questo sport la squadra gioca un ruolo fondamentale perché, anche se è uno sport individuale, c’è bisogno di fare questo percorso con qualcuno che ti sta affianco”. Nato a Cuneo da genitori rumeni, Eduard inizia fin da bambino a frequentare la piscina seguendo le orme del fratello nuotatore: il suo sogno è stato reso possibile soprattutto grazie all’aiuto di suo padre che, fin dai primi tempi, ha sempre affrontato lunghe trasferte per permettere al figlio di allenarsi. Le vittorie di Eduard sono state ostacolate per lungo tempo dalla mancanza della cittadinanza italiana, fino allo scorso anno quando, finalmente, è diventato cittadino italiano ed ha potuto vedere riconosciuti ufficialmente tutti i suoi titoli.
Il racconto del mondo dello sport si arricchisce con la storia dell’atleta Najla Aqdeir per la quale lo sport è stato soprattutto uno strumento di libertà: nata da padre libico e madre marocchina, si trasferisce da bambina in Italia e a scuola scopre la corsa, che diventerà la sua più grande passione. Si trova però a dover fare i conti con le tradizioni della cultura dei suoi genitori: grazie al suo allenatore riesce a fuggire da un matrimonio combinato, pagando però il prezzo di essere disconosciuta dalla famiglia e dalla Libia e dover chiedere asilo politico per poter rimanere nel Paese dove è cresciuta. “L’ostacolo è ciò che mi porta a correre. Corro non per ‘saltare’ l’ostacolo, bensì per affrontarlo e superarlo” e per Najla, oggi, l’ostacolo più grande è la mancanza della cittadinanza italiana nonostante i 10 anni trascorsi dal suo arrivo. Non perde comunque la voglia di trasmettere la sua felicità che condivide attraverso attività di volontariato con ragazzi con problemi psichiatrici, disabili e tossicodipendenti; ha creato inoltre il progetto Flying Girls Milano, una crew tutta al femminile di giovani sportive che parlano di grinta, passione, resilienza ed entusiasmo per il futuro.
 
Quello che è – Nuove storie italiane” con Antonio Dikele Distefano è una produzione originale di laF realizzata da Next14 in collaborazione con ActionAid. Capoprogetto Elena Comoglio, regia di Giuseppe Bianchi, Editorial e Brand Advisor Marta Imbrianti; produttore esecutivo Valentina Rizzato; autrice Erika Scandone, regia delle esterne Daniele De Luca, fotografia Flavio Toffoli, progetto grafico Stefano Bulbarello.
Quello che è – Nuove storie italiane” va in onda ogni lunedì dal 28 settembre 2020 alle 21.10 per 6 settimane su laF (Sky 135) e disponibile on demand su Sky e SkyGo.
Dal 6 Novembre “Quello che è – Nuove storie italiane” continua anche in audio, disponibile in una nuova versione podcast – prodotto da Feltrinelli AudioPodcast–  in esclusiva su Storytel.
Share.

Leave A Reply

Aggiornamenti di PuntoZip Vuoi ricevere gli aggiornamenti di PuntoZip in tempo reale? No Sì, certo!
Send this to a friend