fbpx

Oggi in TV: “Linea Verde”. Da Capestrano a L’Aquila lungo il “Tratturo Magno”

Oggi in TV: "Linea Verde".  Da Capestrano a L'Aquila lungo il "Tratturo Magno"Ancora due luoghi romani di eccezionale bellezza e valore storico per raccontare un altro viaggio di “Linea Verde”, oggi alle 12.20 su Rai1. Da un’imbarcazione in navigazione sul tratto del Tevere che dal Foro Italico conduce fino all’isola Tiberina e dallo splendido complesso dell’Abbazia delle Tre Fontane dei Frati Trappisti, Beppe Covertini e Ingrid Muccitelli porteranno il pubblico a viaggiare nell’Abruzzo aquilano, nel tratto che da Capestrano porta fino a L’Aquila, attraversando la Piana di Navelli, ai piedi di Campo Imperatore, lungo il tracciato dell’antico tratturo che univa proprio L’Aquila a Foggia.

Con i suoi 244 chilometri, si tratta del più lungo tratturo italiano, denominato anche “Tratturo del Re” o “Tratturo Magno”. Oggi questa provincia virtuosa e desiderosa di rinascita, ha ottenuto un doppio riconoscimento come Patrimonio Culturale Immateriale dell’Unesco: Transumanza e Perdonanza Celestiniana.

Il viaggio, attraverso la bellezza imponente del territorio e le numerose tradizioni storiche, religiose e pastorali, è arricchito dalla partecipazione di un ospite speciale ed aquilano DOC, Bruno Vespa, e da una serie di corrispondenze da tutta Italia: Peppone, dalla sua Potenza, porterà infatti alla scoperta di un grande artigiano lucano; Fulvio Marino, giovane mugnaio delle Langhe, racconterà tutti i segreti delle farine e della loro lavorazione; Fabrizio Nonis, “El Bekèr”, macellaio della tradizione, spiegherà una tecnica speciale per grigliare la carne dalle colline del suo Friuli; Carmelo Bonetta, viticoltore siciliano, mostrerà  un terreno unico nel suo genere, nel cuore dell’entroterra agrigentino, dove produce i suoi magnifici vini; Cristian Bertol, chef stellato trentino, condurrà nell’esperienza sensoriale di una tradizionale ricetta di montagna, realizzata con un formaggio d’alpeggio della Val di Non.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *