fbpx

Oggi in TV: Pupi Avati e il suo Dante a “Sulla via di Damasco”. Il regista racconta il suo ultimo lavoro su fragilità e lati umani del grande poeta

Il regista racconta il suo ultimo lavoro su fragilità e lati umani del grande poeta

A 700 anni dalla sua morte, Dante Alighieri ispira ancora arte, poesia e cinema. Al microfono di Eva Crosetta, a “Sulla via di Damasco”, domenica 5 dicembre su Rai2 alle 8.40, Pupi Avati racconta la sua ultima opera cinematografica dedicata alla vicenda umana più intima e fragile di Dante Alighieri e alla sua potente attualità. Dietro questa pellicola, c’è tutto l’animo di un regista legato profondamente ai grandi sentimenti, che vuole ritrovare nel Sommo Poeta un segno di speranza valido per l’oggi. Lui, anche nelle situazioni più estreme dell’esilio, della fuga, della delusione affettiva e della miseria, è riuscito a scrivere un grande capolavoro.
Segue l’intervista a Davide Rondoni sull’ispirazione poetica di Dante e sulla capacità di scorgere l’al di là lungo il sentiero del suo vivere e dei suoi incontri. Il programma di Vito Sidoti si conclude con un breve viaggio tra le opere della mostra “Inferno” alle Scuderie del Quirinale: un percorso espositivo sulle tragedie dell’anima tra opere del Botticelli, Rodin, Beato Angelico e altri pittori danteschi.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Send this to a friend