fbpx

Stasera in TV: “Il bello di Salemme”. La gente vuole ridere ancora

Stasera in TV: "Il bello di Salemme". La gente vuole ridere ancoraAlcuni attori, chiusi in un teatro ormai fatiscente e pronto per essere raso al suolo per lasciar spazio a un parcheggio, sono ospiti di una contessa matta che li spia di continuo attraverso una telecamera nascosta, come se fossero i protagonisti di in un reality show.

La bizzarra signora, infatti, ogni tanto interviene da un microfono. Gag, lazzi e situazioni iperboliche costellano lo sviluppo di “La gente vuole ridere… ancora”, in onda stasera alle 21.15 su Rai5 per il ciclo di spettacoli teatrali che Rai Cultura dedica alla comicità di Vincenzo Salemme.

Commedia degli equivoci, è una riflessione sul senso stesso di fare teatro comico. Per salutare e chiudere la rappresentazione, il cast al completo intona la colonna sonora di “Ho visto le stelle”, un vero inno al mestiere dell’attore, il quale, anche quando si trova in difficoltà, deve seguire l’inflessibile legge dello spettacolo: sempre e comunque continuare a recitare. Scritta nel 1993 da Vincenzo Salemme, che firma anche la regia teatrale, e registrata nel 2008, ha la regia televisiva di Cristina Fayad. Con Vincenzo Salemme, Pietro Ruspoli, Stefano Sarcinelli, Rosa Miranda, Roberta Formilli, Maurizio Casagrande, Antonio Guerriero, Massimiliano Gallo, Marcello Romolo, Domenico Aria, Biancamaria Lelli.

Lo spettacolo appartiene alle cinque serate, in onda ogni sabato fino al 4 aprile in prima serata su Rai5, dedicate a Vincenzo Salemme, uno dei più amati rappresentanti della risata partenopea. Un excursus tra i cavalli di battaglia più noti dell’artista, proposti nelle versioni realizzate dalla Rai tra la metà degli anni ’90 e la prima decade dei Duemila, da “La gente vuole ridere… ancora” a “Bello di papà”, passando per “… e fuori nevica!”, “Passerotti o pipistrelli?” e “Premiata pasticceria Bellavista”, di cui sovente Salemme è sia autore che regista ed interprete principale.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *