fbpx

Al Teatro Goldoni Paolo Rossi prova l’Amleto

Al Teatro Goldoni Paolo Rossi prova l’AmletoLa data in cui i teatri potranno tornare ad accogliere il pubblico in sala non è ancora stata fissata, ma un vero stop ai lavori sui palcoscenici del Teatro Stabile del Veneto e su quelli dello Stabile di Bolzano non c’è mai stato. Chiuso al pubblico, ma non fermo è infatti il Teatro Goldoni di Venezia che in queste settimane ospita le prove del nuovo spettacolo di Paolo Rossi, L’Amleto, una co-produzione tra il Teatro Stabile del Veneto e il Teatro Stabile di Bolzano che inaugurerà il cartellone dell’Estate Teatrale Veronese con il debutto al Teatro Romano il 1° luglio.

In questi mesi i nostri palcoscenici sono sempre stati un cantiere aperto, non abbiamo mai smesso di fare prove in completa sicurezza e di allestire spettacoli da trasmettere in streaming sulla nostra piattaforma digitale – dichiara Massimo Ongaro, direttore del Teatro Stabile del Veneto –. Ma annunciare la data di un debutto dal vivo per questa produzione è un atto di grande speranza e fiducia nel futuro, che abbiamo voluto fare assieme allo Stabile di Bolzano e all’Estate Teatrale Veronese perché sappiamo che l’unica chiave per affrontare il domani è fare sistema”.

Quello che il pubblico vede in scena è solo la punta dell’iceberg di un processo produttivo che dura anni e si declina in numerose fasi: dalla pianificazione alla definizione delle partnership, dall’organizzazione, alle prove, un lavoro che si intensifica all’approssimarsi del debutto.  “Tutto il lavoro fatto non può e non deve andare perso – afferma il direttore del Teatro Stabile di Bolzano Walter Zambaldi -. Assieme ai nostri co-produttori abbiamo portato in scena tutti le produzioni che avevamo pianificato “Il periodo è avverso, ma lo spettacolo deve continuare ad esserci e i progetti produttivi vanno portati a termine. Siamo convinti che la nostra determinazione sia lo strumento più efficace per investire sul futuro”.

In attesa di tornare dal vivo, sul palco dello storico teatro veneziano Paolo Rossi, affiancato da una compagnia di otto artisti tra attori, Renato Avallone, Laura Bussani, Caterina Gabanella, Marco Ripoldi, Chiara Tomei, e musicisti, Emanuele Dell’Aquila, Stefano Bembi, Alex Orciari, sta allestendo, in completa sicurezza e nel rispetto di tutte le norme di prevenzione dei contagli, la sua originale versione del celebre dramma shakespeariano. I personaggi principali dell’Amleto ci saranno tutti: Rossi, regista e contastorie, manovra i fili della messa in scena che fa rivivere il principe di Danimarca, ossessionato da un sogno che lo spinge a perseguire la vendetta, sua madre sposata a Claudio l’usurpatore, le vicende del ciambellano Polonio e quelle di Ofelia, la cui disperazione non lascia scampo.

“Il teatro di William Shakespeare è un liquore furbo e noi commedianti siamo solo le spugne che se ne imbevono e prendono la forma che più serve al nostro mestiere”. Tra narrazione e situazione, L’Amleto scritto da Rossi con la collaborazione drammaturgica di Roberto Cavosi diventa manifesto di un teatro popolare di rinascita e ricerca.

L’AMLETO

di Paolo Rossi

collaborazione drammaturgica Roberto Cavosi

traduzione dei brani di Amleto Loredana Ottomano

con Paolo Rossi

e con Renato Avallone, Laura Bussani, Caterina Gabanella,

Marco Ripoldi, Chiara Tomei

musiche da vivo Emanuele Dell’Aquila, Stefano Bembi, Alex Orciari

assistente alla regia Leonardo Tosini

luci Elena Vastano

audio Luca Bortolotti

direttore di scena Tonino Lioi

costumi Gilda Venturini

sarta Marika Scroppo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiornamenti di PuntoZip Vuoi ricevere gli aggiornamenti di PuntoZip in tempo reale? No Sì, certo!
Send this to a friend