fbpx

Recensione: “La Barba del Manzoni” – Ironico e scanzonato, un Manzoni riscoperto.

Recensione: “La Barba del Manzoni” - Ironico e scanzonato, un Manzoni riscoperto.La Barba del Manzoni
di Roberto Piumini
Edizioni Marietti 1820

Accingendosi a leggere un libro dal titolo così altisonante, ci si aspetta forse la solita, ennesima, e tanto temuta dagli studenti di tutti i tempi, rispolverata sul grande capolavoro del Manzoni. Ma, sin dalle prime pagine, ci rendiamo conto che nulla vi è di tutto questo.

La narrazione, con uno stile semplice e scorrevole, te lo fa divorare tutto d’un fiato. Divertente e a volte ironico e scanzonato, il racconto fa comunque riflettere sull’atteggiamento di certi personaggi che, presentati introducendoli di volta in volta come gli attori su un palcoscenico, sorprendono per la loro originalità e attualità.

Lucia, non è la ragazza timorosa e ingenua a cui siamo abituati a pensare, ma un’adolescente curiosa che precorre i tempi, tanto che non disdegna di rimanere sola davanti a uno sconosciuto “il Beccanuca”, ma, addirittura a chiedere spiegazioni sul sesso alla madre.
Agnese, dal canto suo è una mamma moderna, quasi futurista che, anticipando i tempi, ne parla con disinvoltura, spiegandoglielo in modo semplice e non volgare.
Che dire poi di un’inedita Perpetua, civettuola e scanzonata che scopre, grazie a un avvinazzato “farabutto” la sua femminilità?

Don Abbondio è “Don Abbondio” timoroso e vigliacco e i “bravi” a loro volta prepotenti e canaglie ma, con il loro vizio del vino che, in questo caso, fa da padrone, sembra quasi che lo scrittore voglia in qualche modo dar loro un alibi.

Immutata e maestosa la figura di Don Cristoforo, battagliero e indomito.

Appena accennata, ma intensa e sofferta è la figura di una Eleonora arrendevole e plagiata, mai bambina e già destinata a una vita che lei non ha scelto.

Forte e scolpita la figura di Renzo, bravo ragazzo, volenteroso e apparentemente remissivo ma che non si spaventa davanti ai soprusi del “signorino” Rodrigo.

Un libro “La barba del Manzoni” fortemente raccomandato ai giovani per una riflessione su atteggiamenti e convenzioni immutabili nel tempo.

Roberto Piumini è tra i maggiori scrittori italiani. È stato insegnante, attore, burattinaio e ha pubblicato libri per ragazzi, testi poetici e romanzi. Ha tradotto i Sonetti e il Macbeth di Shakespeare, il Paradiso Perduto di Milton e l’Aulularia di Plauto. Con Marietti 1820 ha pubblicato Gli sguardi. Sette racconti sulla pittura (2019).

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Send this to a friend