Vai al contenuto

Stasera Nile Rodgers. Come farcela nel mondo della musica

Incontri tra generi

Stasera Nile Rodgers. Come farcela nel mondo della musica

Le collaborazioni più recenti di Nile Rodgers con artisti giovani e appartenenti a generi musicali molti diversi dal suo. Dalla musica elettronica dei Daft Punk, alla collaborazione con i dj adorati dai giovani come Avicii, ai nuovi idoli del pop come John Newman. Ne parla l’ultimo appuntamento con “Nile Rodgers. Come farcela nel mondo della musica”, in onda martedì 9 luglio alle 22.50 su Rai 5. Produttore pluripremiato, compositore, arrangiatore e chitarrista, Rodgers svela la sua formula per raggiungere il successo, restare in cima e rialzarsi quando si cade. E spiega come avere successo in un mondo mutevole e capriccioso.

Rodgers cominciò la sua carriera come turnista a New York, suonando con la band di Sesame Street ancora giovanissimo per poi lavorare nella band del rinomato Apollo Theater di Harlem, suonando quindi insieme ad artisti quali Aretha Franklin, Ben E. King, Nancy Wilson e i Parliament-Funkadelic, fra gli altri.

Insieme al bassista Bernard Edwards, conosciuto nel 1970 quando entrambi suonavano nel tour di Sesame Street, formò un complesso rock chiamato The Boys(successivamente noto come Big Apple Band) e tennero numerosi concerti nei sobborghi di New York City. Nonostante l’interesse manifestato nei loro confronti, non riuscirono a sottoscrivere alcun contratto discografico: quando le case musicali scoprivano che erano neri, la discriminazione dell’epoca asseriva che artisti neri non potessero suonare “rock”.

Queste esperienze, oltre allo spirito attivista di  allora, lo portarono ad una partecipazione attiva nelle Pantere Nere a New York City. Il documentario del 1999 Public Enemy riepiloga la storia, le interviste con Rodgers di quel tempo. Non essendo i tipi che abbandonano i loro sogni musicali, nel 1977 Rodgers ed Edwards si unirono al batterista Tony Thompson per formare una band di disco music e R&B, gli Chic, e proseguirono pubblicando numerosi successi da “top ten”, contribuendo ad innalzare la disco music.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend