Al Teatro Trastevere “La vita secondo John Cusack”

Si nasce soli, si muore soli.
E nel mezzo?
Ci si aggrappa.
Disperati. Di slancio. Senza calcoli. Forte. Tanto forte. Troppo forte, a volte, e non esiste nient’altro, nessun altro e tutto il resto è minaccia al frammento di universo al quale ci si è aggrappati; tutto il resto è l’abisso e fa paura.

Madre adottiva e figlia adottata sono inseparabili, ma per i motivi sbagliati. L’abisso le circonda e l’unico modo per respingerlo è restare aggrappate l’una all’altra, anche se il rapporto, corrotto sin dall’inizio, è ormai irrimediabilmente insalubre, cosa di cui sono perfettamente consapevoli.
Ma il loro cancello rimane chiuso.

In questo ingranaggio di tortura mascherato da sollievo s’inserisce John Cusack – o, comunque, qualcuno che pare gli somigli. Viandante della vita, lui ha un modo tutto suo di aggrapparsi. Più gentile, meno ossessivo.
L’abisso circonda anche lui, ma a quanto pare è in grado di attraversarlo.
L’importante è aprire il cancello e andare avanti.
In discesa, in salita, ma avanti.
Un piede davanti all’altro.

Con La vita secondo John Cusack appuntamento al Teatro Trastevere, Via Jacopa de’ Settesoli 3, dal 7 al 10 febbraio, da giovedì a sabato ore 21:00, domenica ore 17:30.

Teatro Trastevere
via Jacopa de’Settesoli 3, 00153 Roma
prevista tessera associativa
contatti: 065814004 [email protected]
www.teatrotrastevere.it
https://www.facebook.com/teatrotrastevere
https://twitter.com/teatrotrast

Rispondi

Inline
Inline