Jordi Savall a Parma lunedì 17 febbraio per un viaggio nella musica storica europea

Jordi Savall a Parma lunedì 17 febbraio per un viaggio nella musica storica europeaPersonalità musicale tra le più influenti della sua generazione, Jordi Savall da oltre cinquant’anni riscopre e interpreta, alla viola da gamba o in veste di direttore, antiche musiche dei repertori medievali, rinascimentali, barocchi e classici. Lunedì 17 febbraio 2020 alle ore 20.30, Jordi Savall torna dopo otto anni al Teatro Regio di Parma con brani del repertorio rinascimentale e barocco europeo, insieme a Rolf Lislevand, vihuela e chitarra, e Andrew Lawrence-King, arpa doppia, per il secondo appuntamento della Stagione Concertistica, realizzata da Società dei Concerti di Parma, con il sostegno di Chiesi e in collaborazione con Casa della Musica.

Un viaggio musicale sulle orme della “follia”, forma di danza e canto medievale d’ispirazione popolare che dal Portogallo ha conquistato, tra 1500 e 1700, la Spagna di Diego Ortiz, l’Inghilterra di Tobias Hume, passando l’Italia di Emilio De’ Cavalieri, la Germania di Johann Sebastian Bach e Johannes Schenck, fino alla Francia di Marin Marais. L’excursus terminerà con una serie d’improvvisazioni e grounds, a coronamento di un repertorio che, come da pratica esecutiva di quel periodo, invitava gli strumentisti ad aggiungere, ad libitum, ornamenti e diminuzioni alla partitura scritta (con il risultato che, sicuramente, due esecuzioni di una stessa opera, non sarebbero mai state esattamente uguali). Come scrivono Jordi Savall e Rui Vieira Nery, “questo programma, non soltanto è caratterizzato da un elemento costante d’improvvisazione nell’approccio alle opere eseguite, ma include addirittura un momento d’effettiva improvvisazioni collettiva sulla base ostinata”.

Situato tra i principali attori del fenomeno della rivalutazione della musica storica, Jordi Savall ha fondato, con Montserrat Figueras, i complessi Hespèrion XXI (1974), La Capella Reial de Catalunya (1987) e Le Concert des Nations (1989), con i quali nel corso della sua carriera, ha registrato e pubblicato più di 230 dischi. Ha vinto numerosi premi, come i Midem Awards, gli International Classical Music Awards, e un Grammy Award. I suoi programmi di concerto hanno saputo trasformare la musica in uno strumento di mediazione per l’intesa e la pace tra i popoli e le differenti culture tanto che nel 2008, è stato nominato Ambasciatore dell’Unione Europea per il dialogo interculturale e “Artista per la Pace”, nell’ambito del programma “Ambasciatori di buona volontà” dell’UNESCO.

Virtuoso dell’arpa barocca, Andrew Lawrence King è uno dei più importanti musicisti di musica antica a livello internazionale. Dopo aver completato gli studi musicali al London Early Music Centre, ha iniziato a collaborare con i principali ensemble specialistici europei, compreso Hesperion XXI di Jordi Savall, ed è stato nominato professore di arpa alla Akademie für Alte Musik di Brema.

Rolf Lislevand studia chitarra classica presso l’Accademia di Musica di Stato di Oslo e viene successivamente invitato da Jordi Savall a collaborare con le sue formazioni. Le sue interpretazioni delle opere di Kapsberger, Santiago de Murcia, Gaspar Sanz e di compositori oggi meno noti, hanno dato una nuova spinta a tutta una generazione di musicisti. Nei suoi lavori reintroduce elementi ritmici di improvvisazione reale restituendo il valore della tradizione della musica di un tempo ad un pubblico dei nostri giorni.

I biglietti per il concerto (da € 10,00 a € 45,00; Under 30 da € 12,00 a € 36,00; Over 65 da € 14,00 a € 42,50) sono in vendita presso la Biglietteria del Teatro Regio di Parma e online su teatroregioparma.it. Per informazioni tel. 0521 203999 – [email protected]. Promozioni e agevolazioni sono riservate a Under30, Over65, famiglie, lavoratori in stato di disoccupazione, cassa integrazione, mobilità, giovani e docenti che usufruiscono del Bonus Cultura 18App e della Carta del Docente, gruppi composti da più di 20 persone.

Il prossimo appuntamento della Stagione Concertistica è domenica 1 marzo 2020 alle ore 20.30 con Martina Filjak e I Solisti di Zagabria con un concerto interamente dedicato a Ludwig Van Beethoven.

La Stagione 2020 della Società dei Concerti di Parma è realizzata grazie all’Assessorato alla Cultura del Comune di Parma – Casa della Musica, con il sostegno di Chiesi Farmaceutici. Main Partner Sinapsi Group, Fondazione Monte Parma, Friends Cedacri, Ilger.com, Skidata, Partner Teatro Regio di Parma, Rangon, Hotel Button.

In allegato: comunicato stampa e foto.

Info: stagione-concertistica-teatro-regio

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *