fbpx

Stasera in TV: A “Restart” salute, economia e il dramma della violenza sulle donne – Su Rai2 con Annalisa Bruchi e Aldo Cazzullo

Stasera in TV:  A "Restart" salute, economia e il dramma della violenza sulle donne - Su Rai2 con Annalisa Bruchi e Aldo CazzulloTorna stasera, mercoledì 25 novembre alle 23.20 su Rai2, “Restart-L’Italia ricomincia da te”, il talk condotto da Annalisa Bruchi con Aldo Cazzullo.
Un drammatico viaggio negli ospedali, nella trincea dei medici italiani dove anche i giovani, gli specializzandi, combattono in prima linea. La pandemia è globale eppure alcuni Paesi, come la Germania, sono messi meglio di noi e registrano un numero nettamente inferiore di morti. Cosa non ha funzionato? Come siamo arrivati a questo punto? E inoltre, i dubbi sulla gestione di questa seconda ondata e le problematiche sui vaccini antinfluenzali che mancano, portano a chiederci come saremo in grado di coordinare e distribuire l’unica speranza che resta, i primi vaccini contro il Covid19. Come faremo a far fronte alla vaccinazione di massa? Se ne parla con Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dello Spallanzani di Roma; Luciano Gattinoni, una delle autorità mondiali nel campo dell’anestesia, professore emerito dell’Università di Gottingen in Germania e presidente della Federazione Mondiale di medicina e terapia intensiva e con il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio.
Il virus ha colpito la salute ma anche l’economia: la cassa integrazione tarda ad arrivare, si riflette sul reddito di cittadinanza e si parla di un rosso dell’Inps. Ma le pensioni sono davvero a rischio? Ne parla il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico.
Infine, l’incubo di chi è prigioniero dentro casa sua: donne maltrattate costrette alla convivenza con i loro aguzzini. Nella Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, saranno ospiti di Annalisa Bruchi la senatrice della Lega, Giulia Bongiorno e l’onorevole Lucia Annibali, deputata di Italia Viva, aggredita con l’acido su mandato del suo ex.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *