fbpx

Stasera in TV: “Che storia è la musica”, una prima serata con il Maestro Ezio Bosso

Stasera in TV: "Che storia è la musica",  una prima serata con il Maestro Ezio BossoL’avventura del grande repertorio classico nella Tv generalista continua, con una nuova serata controcorrente, sempre guidata dal Maestro Ezio Bosso e sempre su Rai3, pioniera di questo nuovo format decisamente inusuale, ma confortato dal grande successo dell’evento andato in onda lo scorso giugno, dedicato integralmente a Beethoven.

Nella serata in onda il giorno di Natale, alle 21.15 su Rai3, il nuovo appuntamento di “Che Storia è la Musica” racconterà musica e vita del compositore che più amò questa festività: il grande Čajkovskij.

Con l’originalità imprevedibile del suo approccio, il Maestro Bosso avvicinerà il pubblico alla sesta sinfonia, la celebre “Patetica”, rivelandone i misteri e aprendosi a riflessioni e profondità lontane da ogni possibile cliché. Dunque una sorpresa, animata da digressioni musicali e non solo, con ospiti anch’essi imprevedibili, noti e meno noti, tutti fortemente coinvolti nel racconto e nell’intensità dell’esperienza musicale dal vivo. Realizzata nel cuore della Tuscia, al Teatro dell’Unione di Viterbo, “Che Storia è la Musica” vede protagonista, accanto a Bosso e ai suoi ospiti, l’Orchestra Europa Filarmonica, da lui fondata e per l’occasione arricchita dai giovani dell’Orchestra Filarmonica di Benevento, e il Coro Filarmonico Rossini di Pesaro.

E’ indubbio che in questa seconda avventura televisiva, alcune dinamiche si siano definite e approfondite. Come lo stretto rapporto tra Bosso ed i suoi musicisti, con i quali il dialogo diventa più intenso e serrato, divertente, a tratti affettuoso e mai scontato. Come la voglia di osare sempre di più, evidente sin dalla scelta del repertorio: una sfida per il direttore e per l’orchestra, ma anche per il pubblico e gli ospiti, chiamati a raccontare il proprio rapporto con la musica di fronte ad una sinfonia monumentale e delicata al contempo, fatta di terremoti sonori ma anche di pianissimi ai limiti dell’inudibile.

Una sinfonia che Ezio Bosso svela e ricompone nei suoi meccanismi costruttivi, in un viaggio di rivelazione e interpretazione fino ai gangli vitali della musica. Un finale festoso e natalizio chiude una serata ad alta tensione emotiva, in cui lo sforzo – intellettuale e fisico – di rendere al meglio la grande bellezza della musica, verrà vissuto dai telespettatori come magica levità.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *