Stasera in TV: Omaggio a Luca Ronconi, “Lo scandalo della parola”

Stasera in TV: Omaggio a Luca Ronconi, "Lo scandalo della parola"L’ultima intervista di Luca Ronconi: un omaggio al grande regista, nel quinto anniversario della scomparsa, che Rai Cultura propone stasera alle 21.15 con il documentario di Felice Cappa “Luca Ronconi. Lo scandalo della parola”, seguito dall’ultimo spettacolo che il maestro ha diretto nel 2015, poco prima della scomparsa, “Lehman Trilogy. I parte – Tre fratelli” (e a seguire “II parte – Padri e figli”), con Massimo Popolizio, Fabrizio Gifuni, Massimo De Francovich, Paolo Pierobon.

In “Luca Ronconi. Lo scandalo della parola” il regista racconta la “Lehman Trilogy”, dedicato all’epopea Lehman. Le circostanze postume danno agli argomenti toccati la suggestione della profezia: il grande ritorno del teatro di parola, la necessità di recitare testi nella propria lingua madre, le illusioni prospettiche della memoria, l’eredità da lasciare ai giovani della scuola e il loro futuro. Ma il tono è leggero e divertito, tanto da portare Ronconi a dire: “Non è che si debba stare in fibrillazione per tutte le ore della durata degli spettacoli. Il teatro è come l’opera: si segue per momenti e si aspettano le arie che poi si ricordano”. Alle sue parole si alternano brani dello spettacolo che racconta la saga dei fratelli Lehman e il sogno americano, capace di realizzarsi ma anche di rovesciarsi in una manciata di secondi.

L’omaggio a Ronconi sarà anticipato nel pomeriggio, alle 16.45, dallo spettacolo “Quer pasticciaccio brutto de via Merulana” che Ronconi ha diretto nel 1997 al Teatro Argentina di Roma, con la regia tv di Giuseppe Bertolucci. La scelta della Rai di realizzare una “edizione” per il piccolo schermo della versione teatrale dal testo gaddiano, ebbe un grande successo di critica e di pubblico, grazie anche al valore degli interpreti, tra i quali figurano Corrado Pani, Franco Graziosi, Ilaria Occhini, Paola Bacci, Massimo De Rossi, Massimo Popolizio e Luciano Virgilio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*