Nikita Mikhalkov, omaggio in dieci film

Dal 7 al 31 maggio presso il MIC – Museo Interattivo del Cinema, Fondazione Cineteca Italiana presenta Raffinate partiture. Il cinema di Nikita Mikhalkov, un omaggio in dieci film a uno dei più significativi autori del cinema russo contemporaneo che attraverso i suoi film ha raccontato la metamorfosi della società russo-sovietica, rinnovando, a partire dagli anni Settanta, un cinema sovietico che da oltre quarant’anni non si staccava dai diktat del realismo socialista.
Tra gli titoli in programma Sole ingannatore, Oscar per il Miglior Film Straniero nel 1995, Oci Ciorne, che vede l’ultima apparizione sul grande schermo di Silvana Mangano, Urga – Territorio d’amore, Leone d’oro al Miglior Film alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia del 1991.

Prima della proiezione di Schiava d’amore di martedì 7 maggio alle ore 17, il critico cinematografico Sauro Borelli introdurrà la poetica del regista Nikita Mikhalkov.

IL CALENDARIO DEI FILM
Martedì 7 maggio h 17
Schiava d’amore
Nikita Mikhalkov, Russia, 1975, 100’. Int.: Elena Solovej, Rodion Nahapetov.
Durante la rivoluzione bolscevica, in Crimea, avamposto dell’Armata Bianca, una troupe cinematografica sta provando a terminare le riprese di Schiava d’amore, pellicola con protagonista Olga, una diva del momento.
Prima della proiezione il critico cinematografico Sauro Borelli introdurrà la proiezione e la poetica del regista Nikita Michalkov.

Mercoledì 8 maggio ore 16
Oci ciornie
Nikita Mikhalkov, ispirato ai racconti La signora del cagnolino e Anna al collo di Anton Čechov, Italia, 1987, 117’. Int.: Marcello Mastroianni, Silvana Mangano.
In un lungo flashback Romano, cameriere di una certa età che lavora su una nave da crociera, ripercorre con amarezza le delusioni della sua vita insieme ad un avventore russo che si trova lì in viaggio di nozze.

Giovedì 9 maggio ore 16
Il barbiere di Siberia
Nikita Mikhalkov, Italia/Russia, 1998, 177’. Int.: Julia Ormond, Richard Harris.
L’ormai anziana Jane decide di scrivere una lettera al figlio, cadetto di un’accademia militare, per rivelargli finalmente la verità riguardo ai fatti inerenti la sua nascita; torneremo così nella Russia del 1885.

Venerdì 10 maggio ore 15
Amico tra i nemici, nemico tra gli amici
Nikita Mikhalkov, Russia, 1974, 99’. Int.: Jurij Bogatyryov, Nikita Mikhalkov.
Durante la Rivoluzione d’Ottobre, nel corso di una carestia, il Commissario del Partito di una lontana legione invia dell’oro all’estero per comprare grano. Ma il convoglio sul quale viaggia verrà attaccato dai banditi…

Venerdì 10 maggio ore 17
Urga – Territorio d’amore
Nikita Mikhalkov, Francia, 1991, 120’. Int.: Badema, Bayaertu.
Negli anni ’70 Gombo, un rude allevatore, vive nella steppa della Mongolia cinese insieme alla moglie Pagma, all’anziana madre Babouchka e ai tre figli, non diversamente da quanto facevano i suoi antenati mille prima.

Giovedì 16 maggio ore 16
Alcuni giorni della vita di I. I. Oblomov
Nikita Mikhalkov, tratto dal romanzo Oblomov di Ivan Goncharov, Russia, 1979, 143’. Int.: Oleg Tabakov, Jurij Bogatyryov.
Oblomov è un proprietario terriero che vive a Pietroburgo, trascorrendo le proprie giornate nella più totale apatia e solitudine. Grazie all’amico Stolz sembrerà riscuotersi da questo torpore, per poi ripiombare nelle vecchie abitudini.

Martedì 21 maggio ore 17.00
12
Nikita Mikhalkov, liberamente tratto dal dramma La parola ai giurati di Reginald Rose, Russia, 2007, 153’. Int.: Nikita Mikhalkov, Sergey Makovetsky.
Dodici uomini si trovano a dover decidere in modo unanime del destino di un giovane ceceno accusato di parricidio. Nonostante la sua colpevolezza sembri evidente, un giurato si batterà per far cambiare idea agli altri.

Giovedì 23 maggio ore 17
Sole ingannatore
Nikita Mikhalkov, Francia, Russia, 1994, 125’. Int.: Svetlana Krioutchkova, Nadia Michalkova.
Nell’estate del 1936 Serguei Kotov, colonnello dell’Armata Rossa, vive nella sua dacia con la moglie e la figlia, quando giunge da loro un vecchio conoscente, Dimitri, agente in incognito della polizia politica di Stalin.

Martedì 28 maggio ore 17
Cinque serate
Nikita Mikhalkov, URSS, 1979, 103’. Int.: Ljudmila Gurčenko, Stanislav Ljubsin.
Rimasto lontano da Mosca per diciotto anni, il camionista Aleksandr Petrovic Ilin torna in città e passa cinque serate insieme a Tamara, il suo grande amore di tanto tempo prima. Decidere se provare a ricostruire una nuova vita con lei o ripartire lasciandosela nuovamente alle spalle sarà la scelta più difficile della sua vita.

Mercoledì 29 maggio ore 17
Partitura incompiuta per pianola meccanica
Nikita Mikhalkov, tratto dal dramma Platonov di Anton Čechov, Russia, 1976, 106’. Int.: Elena Solovej, Aleksandr Kalyagin.
Quando una ricca vedova dà una festa nella sua grande villa, Platonov incontra di nuovo Sofia, la donna che qualche anno prima aveva amato disperatamente. I due si scambiano teneri ricordi, ben sapendo che non potranno mai stare insieme.

Venerdì 31 maggio ore 17
Sole ingannatore Replica

Rispondi