Vai al contenuto

Stasera in TV: “Raffa in the Sky”, omaggio all’icona Carrà

Un’opera lirica di Lamberto Curtoni con la regia di Francesco Micheli

Stasera in TV: "Raffa in the Sky", omaggio all'icona Carrà

Il 18 giugno 2023, se fosse ancora tra noi, Raffaella Carrà avrebbe compiuto 80 anni. Quest’anno, la Fondazione Teatro Donizetti di Bergamo ha deciso di onorare la sua memoria commissionando un’opera dedicata a lei: “Raffa in the Sky“, che Rai Cultura propone venerdì 5 luglio alle 21.45 su Rai 5.

Questo straordinario spettacolo, realizzato in collaborazione con il Museo della Radio e della Televisione del Centro di Produzione Rai di Torino, rappresenta un omaggio sentito a una delle più grandi icone della televisione italiana e internazionale.

L’opera è stata composta da Lamberto Curtoni, con un libretto scritto da Renata Ciaravino e Alberto Mattioli, basato su un’idea di Francesco Micheli, che ha anche diretto lo spettacolo. Il Teatro Donizetti di Bergamo, insieme a Brescia, è stato insignito del titolo di Capitale italiana della Cultura per l’anno in corso, rendendo l’evento ancora più speciale.

“Raffa in the Sky” non è una biografia musicale, ma un’opera lirica che esplora la straordinaria carriera artistica di Raffaella Carrà e il suo impatto sulla società italiana degli ultimi cinquant’anni. L’opera offre una riflessione sul ruolo degli artisti nella società, sull’importanza dell’arte e sui media, senza tralasciare le indimenticabili canzoni interpretate da Raffaella.

Nel cast, la giovanissima Chiara Dello Iacovo interpreta Raffaella Carrà, affiancata da un gruppo di talentuosi cantanti d’opera come Carmela Remigio, Gaia Petrone, Dave Monaco, Haris Andrianos e Roberto Lorenzi.

L’ensemble orchestrale è composto dall’Ensemble Sentieri Selvaggi e dall’Orchestra Donizetti Opera, diretti con maestria da Carlo Boccadoro. Inoltre, il Coro I Piccoli Musici, diretto da Mario Mora, e i danzatori della Fattoria Vittadini portano ancora più magia alla performance. Il team creativo comprende anche Edoardo Sanchi per le scene, Alessio Rosati per i costumi, Mattia Agatiello come coreografo e Alessandro Andreoli per l’illuminazione.

Un appuntamento assolutamente da non perdere.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend