Tre comici allo Zelig: registrazioni per Italian Stand Up di Zelig TV

La stand up comedy è un genere che sta prendendo piede in Italia, riempiendo i locali di tutto il paese con un pubblico sempre più numeroso e avido di monologhisti di stampo anglosassone.
Pochi ingredienti: un palco spoglio, un cono di luce, l’unico attrezzo di scena è un microfono. Il comico porta in scena se stesso, la sua vita di tutti giorni, il suo personale punto di vista, trascinando con il proprio monologo anche il pubblico più distratto.
Milano, da sempre città “comica”, fa da apripista a questo genere e Zelig Tv non poteva che cogliere al volo la nuova tendenza continuando nel suo ruolo di attenzione e accoglienza di tutto ciò che si muove nel mondo della comicità.
Al Cabaret in Viale Monza 140 dopo le serate registrate nel 2018 vengono registrate le nuove line up che andranno in onda il sabato in seconda serata su Zelig TV, Canale 63 del digitale terrestre

In scena giovedì 14 marzo: CARMINE DEL GROSSO – VALERIO LUNDINI – DAVIDE MARINI

CARMINE DEL GROSSO Carmine Del Grosso nasce nel 1986 a Napoli ed è tutt’ora incensurato. Sua madre decide di chiamarlo come un personaggio di Gomorra, ma la sua vita è in netto contrasto con il suo nome. E’ astemio, puntuale, una brava persona che saluta sempre. Nel suoi monologhi risponde ad alcuni quesiti fondamentali della nostra epoca: quali sono i segni della fine di una relazione? Cosa fare per avere più like del proprio gatto? E’ meglio cominciare a drogarsi o iscriversi a cross fit? Quanti chilometri si fanno con un giga?. Ha partecipato alle ultime due edizioni di Stand Up Comedy su Comedy Central ed è ancora iscritto su LinkedIn come Copywriter e imbianchino.

VALERIO LUNDINI Valerio Lundini nasce a Roma nel 1986, frequenta tutte le scuole dell’obbligo e poi si laurea in lettere (scelta pavida dopo aver passato tre anni a giurisprudenza dove veniva sempre bocciato). Al contempo si diploma alla Scuola Romana dei Fumetti.Scrive abitualmente sulla rivista Linus e, oltre all’attività di musicista e compositore, fa l’autore alla radio e alla tivù collaborando, tra gli altri, con Nino Frassica, Lillo & Greg e con varie trasmissioni tra cui una sulle mamme che però non era comica. Soffre di diabete di tipo uno e non possiede la tiroide.

DAVIDE MARINI Quando gli hanno chiesto perché abbia iniziato a fare stand up, la sua prima risposta è stata: “Come è entrato a casa mia?”.
Davide Marini, classe 1988, sta ancora scontando 10 anni di sfighe per tutte le catene di Sant’Antonio che non ha mai continuato.
E’ il classico comico che scopre di saper far ridere durante gli anni della scuola: fin dalle medie infatti, i professori facevano la sua imitazione.
Dopo essersi laureato in architettura, un giorno scopre l’esistenza della stand up comedy, se ne innamora, ed inizia con lei una relazione tormentata.. riassumibile con la frase: “Stiamo insieme ma lei non lo sa”.
Tre anni fa inizia questa follia: frequenta l’Accademia del comico di Roma dove apprende le basi della comicità, ma è con il workshop di Saverio Raimondo che raggiunge l’illuminazione. Anche se la vera scuola è il palco. Così una volta rotto il ghiaccio (creato dal gelo delle sue battute), inizia a ad esibirsi in vari locali di Roma, per poi spostarsi anche fuori dalla capitale.
Dopo aver frequentato il corso “Riascoltare la propria voce senza volersi seppellire di vergogna”, nell’ottobre 2017 comincia a doppiare video di scimmie per divertimento, e scopre che la cosa fa ridere qualcuno, poi molti. Ora la sua home di youtube sembra lo zoo di Berlino.
Vive ormai una doppia vita: dal vivo stand up comedian, sul web doppiatore di animali in romano. Una specie di Batman col microfono, ma con molti meno soldi.

Rispondi

Inline
Inline